Archives Agosto 2019

Best Practices: SEO Syndicated Content

O One of the principal decisions that startup owners have to make is whether or not to engage in SEO. One common consideration is the cost of investing in an SEO campaign versus possible returns. Another is the daunting list of SEO terminologies, which may overwhelm newcomers to the e-commerce and website scene. If you are a new online entrepreneur but are not convinced of the benefits of SEO, then this article is for you! Here are some of the reasons why SEO is important and why you should consider it as a marketing technique. SEO is less expensive than other online marketing approaches. It also offers higher reward rates when compared to other techniques such as social media marketing, pay per click advertising, and email marketing. While you may need to defray a substantial amount to cover initial SEO planning and processes that include website design, programming, and strategizing, you can be sure to get faster and more long-term results.

“I cannot give you the formula for success, but I can give you the formula for failure. It is: Try to please everybody.”
– Herbert Bayard Swope

Implementing SEO strategies help you to rank higher on the search engine’s results page (SERP). This means that when your target customers search for products and services that your industry offers, they are likely to find your website. When you repeatedly appear on the SERP, users become aware of your site and your business. This increases the chances of landing potential customers on your webpages.

SEO is a Cost-Effective Advertising Strategy

One SEO component called off-site SEO ensures that users of external pages or of social media can find your website. Being optimized for SEO increases the site’s potential to draw customers from other platforms other than the search engine. For instance, when you post content and links to your page on Facebook or Twitter, you are able to promote your website and attract more customers. One of the main goals of SEO is to attract the targeted audience through organic searches. The number of visitors to your site influences your sales and subscriptions. It also promotes the marketing of your products and services. Increased inbound traffic is always good for business because it equates to more conversion opportunities.

Some SEO-related tools such as the Google Keyword Planner and Google Analytics provide quantitative data to help you understand your market, analyze the trends, and know your competitors’ standings. It helps you identify popular and valuable keywords so you can decide how to structure or revise your content. It also gives you insights on your market’s behavior such as location, times of activity, frequency of searches, technologies used, product preferences, etc. All these metrics are useful in helping you get to know your audience, their needs, and their expectations.

Come vendere online – Metodi alternativi

Buongiorno amici, prima di continuare vi consiglio di leggere, se non l’avete già fatto, il mio articolo su cosa è e come funziona un e-commerce, in maniera tale da avere una infarinatura sul tema del commercio elettronico.

Quando parliamo di vendere online, la prima cosa che ci passa per la testa è Amazon, dove attualmente è il numero uno al mondo in fatto di vendita online di prodotti. Ha iniziato nel 1999 vendendo libri e adesso fa miliardi di dollari. Per iniziare a vendere online, bisogna saper analizzare i metodi alternativi in base alla propria disponibilità economica, di tempo e all’esperienza.

Ad oggi il panorama web è cambiato, la gente si affida ai social, agli influencer, alle community per acquistare sereni, allora bisogna prendere il toro per le corna e cavalcarlo come in un rodeo. Ma voi potete richiedere a noi una presentazione dettagliata, in base ai vostri obiettivi noi daremo vita a un progetto con garanzia al 99,9% di successo. Quel 1% lo abbiamo riservato alla vostra rinuncia anche se in molti casi diversi clienti hanno preso loro il 99% delle risorse, consigliati da new agency, newby, neofiti corsisti promossi da loro guru web, fuori è una giungla spietata, tagliatori di mouse, tastiere e accattivanti esseri che con immagini di paypal creati con photoshop fanno vedere cifre a 6 zeri, promettendo guadagni da 1 milione di euro in un anno. NO AMICI, BUGIE, FANDONIE, SCIACCALLAGGIO, se siete stanchi di prendere cantonate, di false promesse e di orizzonti invisibili affidatevi a chi nel web vi è dal 1990 saremo lieti di condurvi mano nella mano al successo ma noi lavoriamo in maniera diversa, vi creiamo la soluzione sartoriale. Contattateci senza impegno.

I metodi alternativi per vendere online sono i seguenti:

  • Marketplace diretti ed indiretti;
  • Dropshipping;
  • Franchising;
  • Sito e-commerce;

Marketplace diretti ed indiretti

La parola Marketplace indica una specie di supermercato virtuale, dove troviamo dei prodotti e/o servizi in vendita a determinati prezzi, Dove basta cliccare per comprare, mettere l’indirizzo di spedizione e pagare. Semplice. Il marketplace è diviso in due parti: diretti ed indiretti, adesso vi spieghiamo la differenza:

Marketplace diretti

I Marketplace diretti sono quelli gestiti da una determinata piattaforma, dove l’azienda o il privato mette in vendita il prodotto con il suo prezzo, e viene spedito direttamente dalla piattaforma o dall’azienda/privato. Tutto questo senza uscire dalla stessa. I marketplace diretto più diffuso è eBay e Amazon. Entrambi permettono vendite di prodotti di qualsiasi tipo, in maniera consolidata e sicura. eBay accoglie sia privati che aziende, mentre Amazon accoglie solo aziende. Ovviamente non è gratis, ci sono delle commissioni in percentuale o mensili che variano a seconda delle categorie, fatturato, numero di prodotti, etc. Bisogna saper pianificare per bene i costi di vendita, affinchè il margine di guadagno sia soddisfacente. Certo ci sono marketer che guadagnano migliaia di euro al mese, ma hanno esperienza e sanno come muoversi.

Marketplace indiretti

Nei marketplace indiretti, è l’azienda/privato che sfrutta la piattaforma per pubblicizzare e vendere i propri prodotti e/o servizi, senza ulteriori commissioni. Praticamente l’acquirente, sempre tramite la piattaforma, può comprare direttamente dal privato utilizzando una chat o il cellulare, oppure cliccando il prodotto nella quale lo porta al sito del venditore. I marketplace indiretti più diffusi sono: Facebook, Subito.it, Twitter e Instagram. Qui le commissioni sono gratis a seconda dei casi, (più per i privati). Mentre in altri casi, soprattutto per le aziende, c’è un contributo fisso o mensile.

Dropshipping

Il dropshipping è un sistema che permette di vendere senza avere in mano i prodotti. Sostanzialmente ci sono tre figure, il venditore, il fornitore e il cliente. Il venditore è colui che vende i prodotti del fornitore, ai prezzi che vuole, al cliente. Il fornitore si occupa della gestione dei prodotti e della spedizione. Al mondo ci sono migliaia di opportunità di dropshipping, esteri ed italiani. Ci guadagna sia il venditore che il fornitore ovviamente cercando di contenere i prezzi di vendita in maniera tale da avere margini di vendita. Il dropship italiano più usato è bazarissimo, ma bisogna vendere parecchio per poter guadagnare. Il venditore può appoggiarsi ai marketplace diretti ed indiretti, oltre che al proprio sito. Qui le commissioni variano da drop a drop.

Franchising

Il Franchising è per certi versi simile al dropshipping, solo che si avrà un sito online automatizzato ela pubblicità viene gestita da altri. L’affiliato dovrà solo occuparsi della gestione degli ordini, della presenza e dei contenuti social e dei rapporti con la clientela. Anche qui ci sono migliaia di opportunità a seconda della merceologia e ognuna di queste ha un suo prezzo a seconda dei servizi scelti. Ma bisogna lavorare per bene, in quanto il guadagno, in percentuale, varia in base al fatturato. Tutto dipende dalla voglia di lavorare, quindi se si vuole intraprendere questa strada, bisogna preventivare una spesa che va dai 1.000 euro in su, a seconda che si voglia gestire un negozio online piccolo o grande.

Sito e-commerce

Il sito e-commerce è di fatto una soluzione che almeno il 65% delle persone ha scelto. In pratica si acquista uno spazio web e un dominio dove attivare una determinata piattaforma commerce tipo, Magento, Opencart, Woocommerce, Shopfy, etc. Bisogna avere un minimo di conoscenza per poter entrare in questo metodo alternativo di vendita. Non è facile gestire tutti i parametri, basta poco per sbagliare, per cui bisogna affidarsi ad uno specialista che sappia il fatto suo, non le classiche Web Agency che sanno solo spennare con zero risultati. Oltre a configurare per bene tutto il sito, bisogna saperlo posizionare in ambito SEO. Cosa non da poco vista la concorrenza spietata in rete. Qui le commissioni sono incentrate sul costo del dominio e della piattaforma, per il resto è un investimento a parte a seconda di quello che si vuole fare e gli obiettivi da perseguire. 

Questi sono quattro metodi alternativi per vendere online, ditemi cosa ne pensate. lasciate commenti, scriveteci via email o messenger siamo qui per accompagnarvi al traguardo…..

Saluti amici alla prossima postata.

Come creare un’app mobile per wordpress con dati personalizzati

Ciao a tutti amici, ormai siamo a giovedi attendendo il week end ho letto che avete interesse per le app cosi ho deciso di creare un articolo che preso alla lettera vi farà creare un app agressiva e vincente , noto che molti non hanno compreso cosa sia jollygadget ma verrà spiegato nei minimi particolari in quanto oggi con panorama assurdo online credetemi è una risorsa preziosa… non intendo annoiarvi partiamo:

Il traffico mobile diventa ancora più grande dei desktop di oggi. Quindi, molte persone sono interessanti su come creare app mobile Android e iOS per i loro siti Web. Ecco alcune tecniche per questo.

Prima di tutto, penso che l’app per dispositivi mobili debba avere un altro aspetto e offrire un’esperienza utente diversa. Se vuoi avere la stessa logica del sito desktop principale, è meglio mantenerlo così com’è senza app mobile o utilizzare AMP .

Il modo migliore per creare un’app mobile è creare o ordinare dagli sviluppatori di app mobili. Il problema è che lo sviluppo di app mobili è molto costoso. Non credo che creare app a meno di $ 3000 abbia senso. Che cos’è l’alternativa? Sta usando plugin speciali. Ho studiato diversi plugin più popolari per wordpress che consente di creare app per dispositivi mobili ed ecco la mia recensione.

Apppresser

Penso che sia il plug-in più potente per la creazione di app. Ha funzionalità molto interessanti e consente di creare applicazioni davvero potenti. E questo perché ha alcune potenti funzionalità.

Pagine personalizzate

Prima di tutto, puoi creare home page personalizzate e personalizzarle in diversi modi. Ad esempio, la home page può essere impostata come schede dei collegamenti

O come landing page, pagina elenco post o anche come mappa

Le pagine personalizzate possono avere il proprio codice html e persino componenti ionici  . Significa che puoi aggiungere cursori, carte, fisarmoniche, mediaplay e altre parti dinamiche alle tue pagine personalizzate.

Pubblica annunci

La seconda cosa che è importante in Apppresser è che consentono di personalizzare i loop post e utilizzare gli endpoint API REST di wordpress. Ciò significa che è possibile creare un elenco speciale, ad esempio, da eventi o da elenchi di directory, elenchi di prodotti, elenchi di post di determinate categorie, autori o tag. Questo può essere utile se vuoi creare la pagina dei post più popolari o un archivio specifico.

Personalizzazione e ganci modello

Questa cosa è molto potente per me e di solito altri sviluppatori di plugin la ignorano. Naturalmente, molti temi e plugin aggiungono molte informazioni nei post, come prezzi, mappe, date, specifiche. La maggior parte dei plug-in delle app ignora questi dati e utilizza solo il contenuto standard di wordpress. Ma Apppresser consente di aggiungere tali dati non solo nei post interni, ma anche negli elenchi personalizzati. Hanno molti hook di modello e tutorial come usarli  , anche opzioni css personalizzati e temi figlio . qui ad ogni voce avrete le dovute spiegazioni,ci tengo a precisare che siamo pionieri del web presenti dal 1990 online e avendo creato progetti innumerevoli, seguiteci e avrete successo, (abbiamo anche school business vedi ilvostrocoach,clientivincenti,apriloshop,lofacciamoperte, dragonbot, etc etc)

Funzioni di accesso speciali

Un’altra cosa positiva sono le opzioni dei membri. Ad esempio, login modali e pagine

Esistono molte altre funzioni disponibili, come la notifica push personalizzata, il modulo Buddypress con attività e l’opzione per utilizzare la fotocamera per il caricamento di immagini, il modulo Woocommerce e le pagine offline. Puoi creare un’app mobile davvero professionale con Apppresser, ma c’è solo una brutta notizia: il PREZZO. Per il piano di base, devi pagare $ 19 ogni mese, il che è troppo caro per i siti di piccole dimensioni. Inoltre, questo piano è di base e non ha molti moduli interessanti, come il woocommerce, Admob

Il piano di agenzia è più interessante e ha un prezzo di $ 49 al mese, ma puoi creare 25 app. Quindi, ogni app avrà un prezzo vicino a $ 2 al mese, ma, penso che questo piano sia buono per gli sviluppatori e le piccole aziende indipendenti che offrono la creazione di aps mobili, ma non per i proprietari di siti. Spero che presto faranno un piano speciale per i proprietari dei siti, perché è un ottimo plugin

App per dispositivi mobili WordApp

Questo è il secondo plugin che mi piace. Ha anche un buon design e alcune opzioni di personalizzazione.

Proprio come il plugin precedente, WApp può avere logo, menu, colori, sfondo, icone personalizzati. permette di aggiungere anche menu in basso con icone.

Il plugin ha anche la possibilità di utilizzare pagine personalizzate come pagina iniziale e puoi anche scegliere un tema separato per l’app. Invece di Apppresser, il plug-in utilizza le pagine wordpress predefinite così come sono. A dire il vero, non penso che tali pagine funzioneranno correttamente, specialmente se hanno script personalizzati, moduli che funzionano sulla versione desktop.

Il problema è che l’anteprima della colonna di destra funziona solo a scopo dimostrativo, l’anteprima reale è disponibile solo se si fa clic sul pulsante rosso, ma non è disponibile nella versione gratuita. ma qui intervengo ancora e vi dico non spaventatevi dei costi noi siamo gentleweb una nuova figura gentili web in quanto formiamo persone nella plr,pnl entrando con noi gratis chi lo desidera puo fare upgrade e offriamo metodi che nessuno online e sottolineo nessuno vi svelerà mai……. se siete interessati iscrivetevi al sito cliccate messenger entrando nella school online e rimarrete di stucco…..

Il problema è che l’anteprima della colonna di destra funziona solo a scopo dimostrativo, l’anteprima reale è disponibile solo se si fa clic sul pulsante rosso, ma non è disponibile nella versione gratuita.

La versione Pro non ha un prezzo elevato e parte da $ 2,99 al mese. Ma è un problema che devo pagare prima di poter verificare se la mia app funzionerà come voglio. L’uso del tema desktop all’interno dell’app mobile può causare alcuni problemi, ma in realtà è possibile utilizzare un tema separato per l’app, è possibile utilizzare temi predefiniti che devono funzionare. Inoltre, il plugin ha circa 20 diversi temi in bundle ed è uno dei vantaggi del plugin.

Un’altra cosa positiva, che puoi usare Admob per monetizzare la tua app.

Pro prevede anche l’opzione di inviare notifiche push.

I prezzi della versione PRO sono molto più economici rispetto al plugin precedente e il piano più costoso ha circa $ 6 al mese. Ciò includerà tutte le funzioni professionali + disabilitazione dei diritti d’autore dell’autore sulla tua app e sugli annunci dell’autore.

Secondo me, questa è una buona alternativa per Apppresser se non hai abbastanza soldi.

Worona

Questo plugin è nuovo e sembra promettente. Attualmente, non hanno qualcosa di interessante, l’unica cosa è che è totalmente gratuito e l’installazione è davvero veloce. La personalizzazione è molto semplice, puoi cambiare solo i menu e i colori dell’intestazione. Ma li sto seguendo, perché sviluppano plugin.

Come personalizzare il contenuto dei post interni nelle app mobili

Quasi tutti i costruttori di app mobili utilizzano l’API REST di wordpress. Dalla versione 4.7 di wordpress, l’API REST è all’interno del core di wordpress e penso che lo sviluppo di wordpress si concentrerà sull’API REST. Questa è una cosa davvero potente, che può aiutare a combinare tutte le app, le estensioni del desktop e persino le cose offline reali in una combinazione con il sito wordpress. L’API REST è un modo per archiviare i dati che può essere utilizzato ovunque, in qualsiasi gadget o applicazione.

Quindi, come ho scritto, la maggior parte dei plug-in di app builder utilizza le richieste API REST per wordpress per ottenere i dati dei post. Il problema è che wordpress contiene informazioni di base nell’API REST per i post e non include i valori dei campi personalizzati utilizzati da tutti i temi e plug-in. Ad esempio, il tuo post ha dei prezzi, o valori delle visualizzazioni dei post, o forse memorizzi la data del tuo evento, luogo, ecc. Tutto questo non sarà disponibile nel contenuto dei post nell’API REST. Pertanto, è necessario estendere il contenuto o creare campi separati per l’API.

Per testare le tue personalizzazioni, ti consiglio di utilizzare google chrome e la loro estensione Postman, che è la cosa migliore per testare diverse API.

Per la creazione di campi separati, è possibile utilizzare il codice successivo.

1234567891011121314add_action( ‘rest_api_init’, ‘appp_register_post_meta’ );function appp_register_post_meta() {    register_rest_field( ‘post’, // any post type registered with API        ‘rehub_main_product_price’, // this needs to match meta key        array(            ‘get_callback’    => ‘appp_get_meta’,            ‘update_callback’ => null,            ‘schema’          => null,        )    );}function appp_get_meta( $object, $field_name, $request ) {    return get_post_meta( $object[ ‘id’ ], $field_name, true );}

questo codice aggiungerà un campo aggiuntivo rehub_main_product_price in ogni richiesta di post. rehub_main_product_price è un campo personalizzato del mio tema in cui memorizzo il miglior prezzo.

Non voglio prestare molta attenzione a questo codice, perché, di solito, non è necessario in questo modo utilizzare con i costruttori di app, perché non riconoscono tali campi e li ignorano. Puoi leggere di più in questo modo nei documenti .

Il secondo modo è più comunemente usato per il generatore di app. Invece di registrare un nuovo campo per l’API REST, è possibile modificare la risposta del contenuto dei post e allegare dati aggiuntivi direttamente ai contenuti del post. Quindi, ad esempio, vuoi mostrare il prezzo del miglior affare che hai archiviato nel campo con il nome “rehub_main_product_price” e vuoi anche mostrare il miglior commerciante e l’icona. Qualcosa come questo.

Nel mio tema, tale blocco è memorizzato nelle chiavi successive dei campi personalizzati.

Prezzo – rehub_offer_product_price

Prezzo vecchio – rehub_offer_product_price_old

Dominio del miglior commerciante – rehub_offer_domain

Quindi, il mio codice per aggiungere questo blocco al contenuto avrà un aspetto successivo

123456789101112131415161718192021222324252627282930add_filter( ‘rest_prepare_post’, ‘dt_use_raw_post_content’, 10, 3 );function dt_use_raw_post_content( $data, $post, $request ) { $out = ”; $offerprice = get_post_meta($post->ID, ‘rehub_offer_product_price’, true ); $offeroldprice = get_post_meta($post->ID, ‘rehub_offer_product_price_old’, true ); $domain = get_post_meta($post->ID, ‘rehub_offer_domain’, true ); $offerurl = get_post_meta($post->ID, ‘rehub_offer_product_url’, true ); if ($offerurl) { $out .='<div class=”compare-button-holder”>’; if ($offerprice) { $out .='<p class=”price”>’; $out .=$offerprice.’ ‘; if ($offeroldprice) { $out .='<del>’.$offeroldprice.'</del>’; } $out .='</p>’; } if($domain){ $out .='<div class=”mb10 compare-domain-icon”><span>Best deal on: </span>’; $out .=rehub_get_site_favicon(‘http://’.$domain); $out .='</div>’; } $out .='<a href=”‘.esc_url($offerurl).'” class=”re_track_btn wpsm-button rehub_main_btn btn_offer_block” target=”_blank” rel=”nofollow”>Buy for best price</a>’; $out .='</div>’; }     $newdata = $data->data[‘content’][‘rendered’].$out;    $data->data[‘content’][‘rendered’] = $newdata;    return $data;}

Qualche spiegazione. Innanzitutto, utilizziamo il filtro rest_prepare_post che modifica il contenuto dei post nella risposta dell’API REST. Quando lo facciamo, possiamo usare $ post-> ID per ottenere qualsiasi cosa dalla posta, come i campi personalizzati. Possiamo ottenere contenuti predefiniti con

1$data->data[‘content’][‘rendered’]

Nell’ultima riga assegniamo un nuovo blocco a questo contenuto. Se è necessario assegnare il blocco prima del contenuto, passare a

1$newdata = $out.$data->data[‘content’][‘rendered’];

Se si desidera assegnare qualcosa per estratto anziché contenuto, è possibile modificare le ultime due righe

12 $newdata = $data->data[‘excerpt’][‘rendered’].$out; $data->data[‘excerpt’][‘rendered’] = $newdata;

Puoi usare lo stesso modo per cambiare anche i titoli. Ad esempio, potresti voler aggiungere il prezzo direttamente nel titolo. Quindi, nelle ultime righe, prima di restituire $ data, aggiungi anche il codice successivo

12    $newtitle = $data->data[‘title’][‘rendered’].’ – ‘.$offerprice;    $data->data[‘title’][‘rendered’] = $newtitle;

Per controllare la risposta ed essere sicuri che tutto funzioni, usa Postman e fai la richiesta GET a uno dei post route. Url per questo sarà

http://yoursite.com/wp-json/wp/v2/posts/240

dove 240 è il tuo ID di posta.

Come vedi, tutto funziona.

La prossima cosa è lo styling. Quello che devo fare è copiare tutti gli stili per l’elemento del blocco nello stile dell’app. Molti app builder hanno la possibilità di aggiungere stili personalizzati per questo. Quindi, premo F12 in Chrome per aprire lo strumento di sviluppo in cui posso controllare gli stili dei miei elementi

Fare clic sull’icona e fare clic sull’elemento che si desidera controllare.

Quindi, per il mio blocco, gli stili saranno i prossimi

12345678.compare-button-holder .price {font-weight: normal;font-size: 1.5em;font-family: “Roboto”,Arial;letter-spacing: -0.5px; padding: 0 0 15px 0;margin: 0;}.mb10 { margin-bottom: 10px;}.compare-domain-icon {font-weight: bold;}.compare-domain-icon span { font-weight: normal;}.compare-domain-icon img {vertical-align: middle;max-width: 80px;}.compare-button-holder .wpsm-button.rehub_main_btn {box-shadow: 0 18px 38px 0 rgba(0,0,0,0.06),0 8px 40px 0 rgba(0,0,0,0.06);}.wpsm-button.rehub_main_btn {font-family: Roboto,trebuchet ms;position: relative;font-size: 18px;line-height: 18px;padding: 10px 20px;font-weight: 700;background: none #43c801;color: #fff !important;border: none;text-decoration: none; outline: 0;border-radius: 100px;cursor: pointer;display: inline-block;}.price del {font-size: 70%;opacity: 0.3;}

Non tutti i plug-in hanno l’opzione di utilizzare gli stili, se si dispone di tale opzione, inserire lì gli stili CSS. in caso contrario, puoi provare ad assegnare gli stili direttamente ai contenuti, spero che questo funzioni nella tua app. Quindi, sarà il codice con gli stili

1234567891011121314151617181920212223242526272829303132333435add_filter( ‘rest_prepare_post’, ‘dt_use_raw_post_content’, 10, 3 );function dt_use_raw_post_content( $data, $post, $request ) { $out = ”; $offerprice = get_post_meta($post->ID, ‘rehub_offer_product_price’, true ); $offeroldprice = get_post_meta($post->ID, ‘rehub_offer_product_price_old’, true ); $domain = get_post_meta($post->ID, ‘rehub_offer_domain’, true ); $offerurl = get_post_meta($post->ID, ‘rehub_offer_product_url’, true ); if ($offerurl) { $out .='<div class=”compare-button-holder”>’; if ($offerprice) { $out .='<p class=”price”>’; $out .=$offerprice.’ ‘; if ($offeroldprice) { $out .='<del>’.$offeroldprice.'</del>’; } $out .='</p>’; } if($domain){ $out .='<div class=”mb10 compare-domain-icon”><span>Best deal on: </span>’; $out .=rehub_get_site_favicon(‘http://’.$domain); $out .='</div>’; } $out .='<a href=”‘.esc_url($offerurl).'” class=”re_track_btn wpsm-button rehub_main_btn btn_offer_block” target=”_blank” rel=”nofollow”>Buy for best price</a>’; $out .='</div>’; $out .='<style>.compare-button-holder .price {font-weight: normal;font-size: 1.5em;font-family: “Roboto”,Arial;letter-spacing: -0.5px; padding: 0 0 15px 0;margin: 0;}.mb10 { margin-bottom: 10px;}.compare-domain-icon {font-weight: bold;}.compare-domain-icon span { font-weight: normal;}.compare-domain-icon img {vertical-align: middle;max-width: 80px;}.compare-button-holder .wpsm-button.rehub_main_btn {box-shadow: 0 18px 38px 0 rgba(0,0,0,0.06),0 8px 40px 0 rgba(0,0,0,0.06);}.wpsm-button.rehub_main_btn {font-family: Roboto,trebuchet ms;position: relative;font-size: 18px;line-height: 18px;padding: 10px 20px;font-weight: 700;background: none #43c801;color: #fff !important;border: none;text-decoration: none; outline: 0;border-radius: 100px;cursor: pointer;display: inline-block;}.price del {font-size: 70%;opacity: 0.3;}</style>’; }     $newdata = $data->data[‘content’][‘rendered’].$out;    $data->data[‘content’][‘rendered’] = $newdata;    if($offerprice){ $newtitle = $data->data[‘title’][‘rendered’].’ – ‘.$offerprice;     $data->data[‘title’][‘rendered’] = $newtitle;         }     return $data;}

Controlliamolo nella dashboard di Worona.

qui vedete app su sito

Sì, funziona.

Ps ci sono molti altri buoni builder di wordpress, ad esempio Mobiloud. Ma la maggior parte di essi non è supportata ora o ha un prezzo troppo costoso. Ad esempio, Mobiloud ha un prezzo di $ 69 al mese, quindi, suppongo che siano migliori per le grandi aziende, non per i singoli siti, ma puoi anche controllare altri plugin, tutti hanno la stessa logica di funzionamento., bene spero sia tutto chiaro, ho fatto i vari passaggi html corretti quindi potete copiare e incollare cambiando id del vostro sito, affiliazione o drop che sia

vi ricordo che sono ben accetti commenti, iscrivetevi al sito, su fb e vari social se il vostro interesse è quello di crearvi un lavoro online, divenire nomade digitale essere finalmente libero potendo lavorare anche in riva al mare………

alla prossima postata vincente amici miei………….