Fase 2 Covid-19, siamo entrati nell’era Smartworking

Entra nel era

Benvenuta era smart, Buongiorno a tutti amici, siete stanchi, spossati,
annoiati, depressi e soprattutto siete ansiosi di vedere la luce nella fine
del tunnel. Certo che non possiamo stare con le mani in mano, dobbiamo
agire, quindi bando alle ciance, su le maniche e olio di gomito. Il
frantoio desolato, polveroso, è stato chiuso, sembra ieri ma era febbraio
amici, allora si è fermato tutto in un momento in cui andava tutto bene e
molta gente è andata via per non tornare più. Io ho perso in un momento la
mia libertà, così come tutti voi l’avete persa, ma noi dobbiamo vincere, noi siamo l’Italia, nella nostra
bandiera c’è il verde dei prati sconfinati, il rosso del sangue ma anche
del acà Toro e siamo in ballo, poi infine c’è il bianco che distingue la
colomba, segno di pace, ma il bianco come un’ombra bianca ci sarà sempre.
Siamo sicuri che per ogni goccia di sudore che verseremo, un nuovo fiore
nascerà e una farfalla ci volerà intorno, in questa grande pandemia che ci
ha invaso di colpo, senza pensarci troppo, in un attimo ci è apparso il
buio intorno a noi. Lo stato Italiano ha cercato di mettere delle toppe in
questa pandemia, mettendo in atto il famigerato lockdown, che di fatto ha
affossato la nostra l’economia. Molte aziende hanno dovuto chiudere, molte
attività hanno dovuto abbassare le serrande, molti lavoratori sono dovuti
restare in casa in cassa integrazione.
Covid-19 Jolly Gadget
Dopo giorni e giorni in cui sembrava non esserci via di uscita, ecco che arriva la tanto agognata fase 2. Possiamo uscire, ma con accortezza, possiamo lavorare, ma con le dovute sicurezze e molti dovranno continuare o iniziare il lavoro da casa, cioè lo Smartwork.
SmartWork
Con la fase 2 JollyGadget dà il via al professionale Smartwork. Abbiamo
creato il vademecum dell’era Smart, lo so amici siete stati catapultati
prepotentemente in un tormentone mediatico che ha calcato la mano con la
paura ma per distrarvi ed installare antenne per dare il via e quindi
inaugurare SmartCity, SmartPerifery, SmartCountry, lo so è scorretto ma
adesso diamo uno schiaffo morale a questi presuntuosi facendo vedere che
solleviamo il paese. Noi abbiamo voluto dare il nostro contributo, nel
pieno della pandemia abbiamo donato mascherine e nello Smartwork vogliamo
abbattere le offerte della concorrenza che propone soluzioni a 6.000 euro e
7.200 euro. No, cari amici, ci vuole una ripresa adeguata e adatta, ognuno
di noi deve fare la sua parte per ricucire il tessuto economico e
giustappunto abbiamo integrato le nostre soluzioni.

Le nostre soluzioni sono state create per aiutare salviamo il futuro
Italia, richiedi ora le nostre proposte resterai sbalordito! Decurtiamo la
parte manodopera regalandola alla ripresa Italia, il montaggio, le
impostazioni servizi abbiamo notato, a differenza della concorrenza, che
abbattiamo costi che corrispondono a 5.000 euro. Restano computer che
abbiamo selezionato e assemblato a dovere i vari software e il via
all’allaccio del centro Smartwork.

SMARTWORK SU MISURA.. SARTORIALE

[metform form_id=”5769″] PC PERFORMANTIaffrontare il nuovo mercato con computer al avanguardia Click HereDesktop turbo lineprestazioni da formula 1Click HereSoddisfiamo ogni Esigenzasempre in pole positionClick Here
Previous
Next

Videochiamate esigenze vitali pandemia covid19

Buongiorno amici,

il virus Covid-19 ha messo in quarantena quasi tutto il mondo. Le aziende hanno dovuto chiudere, mentre per quelle più “tecnologiche” c’è stata la possibilità di mettere i dipendenti in smart working, cioè farli lavorare da casa. dovendo restare a casa costretti, si esce con motivazioni di priorità, ciononostante il nostro staff progettisti sta creando servizi per fare avvicinare i famigliari e clienti, per aziende in quanto si spera che almeno a Natale potremo abbracciare i nostri cari.

Lo staff di JollyGadget usa quotidianamente le videochiamate e conferenze per risolvere le problematiche inerenti all’urgenza.

 Brian, ha un Samsung S10 che usa solo per lavoro, Linda ha un Umidigi F1 che lo sta usando al massimo tra videochiamate con i genitori e riunioni con lo staff spedizioni, Marco ha un Asus Zenfone che usa solo per telefonare essendo un tipo old style, Jeff è un amante dei prodotti Apple, ha un iPhone 8 Plus che usa come se fosse un computer portatile e Franco che è social dipendente ha un Huawei P30 Pro appena acquistato che gli dà buone soddisfazioni.


Ma quando si tratta di fare analisi di bilancio con questo Covid-19 che ha scombussolato i nostri piani, ecco che Marco con il suo Ultrabook ci mette un attimo a fare i calcoli in Excel da condividere con lo staff tramite Microsoft Team. Anche se molti ci dicono di usare Zoom che è una ottima piattaforma ma se usato con tanti utenti tende a perdere audio e risoluzione video, Skype che è una app valida ma un po’ datata o Hangout Meet di Google G-Suite che è la novità di questo momento che può essere usato per videochiamare fino a 250 utenti.

Per lavorare da casa jollypoint covid19 ha attivo servizio smartwork formazione e integrazioni da offline a online.


Usare Ultrabook con Team, non ci ha creato problemi, anzi ci divertiamo, anche se Jeff insiste a convincerci ad usare i MacBook della Apple con FaceTime.

Noi in questa emergenza Covid-19 siamo stati accanto ad ognuno che avesse necessità. Dopo mesi di quarantena, stiamo per vedere la fine del tunnel, il 4 maggio inizierà la fase 2, dove ognuno potrà fare delle passeggiate, trovare i propri cari, a tal punto lo staff abbiamo deciso di festeggiare con voi, lasceremo le offerte senza riportare variazioni ricordando a tutti voi amici, utenti e clienti che i nostri servizi possono soddisfare 360 gradi di esigenze garantendo formazione e trasparenza.


Risultati Jolly Contest del 29 Febbraio

Buongiorno Amici,


L'estrazione del 29 febbraio 2020 per la Ruota di Venezia ha emesso il seguente verdetto: numeri 53 31 5 33 88. Nessuno è riuscito ad indovinare il primo numero estratto cioè il 53. Certo che non è facile indovinare un numero su 90, dal punto di vista statistico vincere è davvero difficile. Abbiamo deciso di fare un contest meno restrittivo, con premi per uomo e per donna, dove faremo riferimento all'estrazione del lotto di Venezia e Bari di giovedì 19 Marzo quindi avrete 10 possibilità su 90, in questo caso il favore della statistica sarà più a vostro favore!

Mandate il vostro numero vincente insieme al vostro Nome al seguente indirizzo mail info@jollygadget.com, oppure via messenger.

Ci sarà anche Jolly Indovinotto, puoi vincere omaggi prestigiosi semplicemente esprimendo la tua opinione su cosa vorresti trovare in un sito per soddisfare le tue esigenze.

Sfateremo la leggenda della giungla web che per vincere ci vogliono i soldoni.

Si raccomanda visto il precedente, di scegliere numero e confermare via messenger o via email info@jollygadget.com, chi non desidera utilizzare il lotto puo optare per soluzione Jolly Indovinotto, giu il gettone!!!!

Continuate a seguirci nella fanpage e sul nostro sito che nel frattempo è stato aggiornato al meglio.

Jolly Indovinotto

Compila il form per vincere

Jolly Gadget Contest – Vinci un fantastico orologio

Salve amici, benvenuti al Jolly Contest che non è il classico raccogli denaro a due euro per arrivare ai 800/1.200 euro per poi inviare prodotto. Noi intendiamo conoscere i nostri visitatori e per fare questo abbiamo deciso di investire su di voi, piuttosto che pagare Google Ads e FB ads preferiamo fare omaggio a voi!

Potete vincere un elegante orologio della SBAO. Il suo stile permette di essere indossato per qualsiasi occasione, elegante, sportivo e mondano.

Ebbene amici adesso per ricevere l’omaggio compilate il modulo sotto, condividete il contest nei social e scegliete il numero.
Faremo riferimento all’estrazione del lotto ruota di Venezia di Sabato 29 febbraio, il primo numero estratto sarà quello vincente e vedrete se avrete vinto, come potete capire la sorte è nelle mani del lotto onde evitare malintesi dubitando del estrazione.

[wpforms id=”3042″ title=”false” description=”false”]

Guarda le offerte speciali del nostro Jolly Shop.


Cuffie auricolari Aws ergonomiche Bluetooth 5.0 impermeabili

Smartphone Umidigi A3 da 16 GB

PC Desktop Acer Aspire C22-820 All-in-one

Smartband Run Step Watch

Smartwatch IP67

N.B. il numero vincente deve scrivere a email info@jollygadget.com, la spedizione è a carico del vincitore, i costi non superano i 10 euro. Pregasi, qualora non si intende ritirare la vincita, di comunicarcelo.

Questo contest è terminato, ma c’è uno nuovo per voi!
Entrate e partecipate al super fantastico Jolly Contest 2.0


Entra nel nuoco Contest

Condividete questo contest nei Social, e-mail, passaparola con i vostri amici così potranno vincere anche loro.









Seguiteci nei social se volete essere costantemente informati.


Facebook


Twitter


Pinterest

Testimonianza di
Achille Danovaro
Designer olographic:

Garantisco per la serietà che distingue nel tempo, non sono novellini online, ho visto anteprima del progetto mission e mi ha solleticato la voglia di mettermi in gioco, aprire un centro commerciale private label, magari vendere con il loro supporto, io conosco personalmente Mark ed è un uomo che mano nella mano vi accompagna al successo, dai provo a vincere, su ruota di venezia non si possono comprare numeri? sarebbe carina come idea, fatemi gli auguri mi piace questo rosso, casual montare cinturino giallo e poi alla partita w la roma.. scusate so de roma .. ciao Mark e Frank , sono aperte le intro x fare e-commerce?

Seconda parte delle 11 regole d’oro seo E-commerce 2020

Eccoci qui, ben tornati amici, siamo lieti di comunicare a Davide che si abbiamo diversi progetti e-commerce ,siti, blog etc tra i quali uno è GRATIS ma free x davvero cio significa che chi non intende spendere puo restare e magari acquistare dominio di proprietà e metterlo, ve lo linko in home cosi chi è interessato puo accedervi

bene scusate risposta a Davide al quale diamo il Benvenuto ci sono 6888.000 utenti free lui sarà + uno complimenti e osserva bene il marketing, la seo compresa nel area admin

partiamo:


Passaggio 6:Articoli esauritiCrea pagine ottimizzate per i motori di ricerca per prodotti non disponibili

Chiaramente, ci sono momenti in cui il tuo negozio esaurisce un determinato prodotto o addirittura interrompe completamente un articolo. Questi due casi dovrebbero essere gestiti in modo diverso.

1. Creare pagine intelligenti per prodotti temporaneamente non disponibili

Se un articolo è temporaneamente non disponibile, la rimozione della pagina non è un’opzione. La pagina dovrebbe indicare chiaramente che il prodotto è esaurito e fornire tutte le informazioni pertinenti di cui il visitatore potrebbe aver bisogno per assicurarsi di attendere fino all’arrivo dell’articolo o ordinare un’alternativa da te.

  • Includi la data di arrivo prevista dell’articolo. Questo aiuterà i visitatori a decidere se sono pronti ad aspettare fino a quando l’articolo è disponibile o se devono cercare alternative.
  • Offri l’opportunità di ricevere una notifica quando arriva l’articolo. Anche se non sai quando l’articolo sarà disponibile, è una buona idea dare ai tuoi visitatori un’opzione per ricevere una notifica via e-mail quando sarà di nuovo disponibile.
  • Offri ai visitatori un’opzione di preordine. Se sei sicuro che l’articolo sarà presto disponibile, lascia che gli utenti lo prenotino. Questo assicurerà ai tuoi clienti che quando il prodotto sarà disponibile, saranno i primi a riceverlo.
  • Aggiungi un elenco di prodotti simili. Ogni volta che puoi, offri ai visitatori opzioni alternative per assicurarti che acquistino da te e non andare invece ai concorrenti.

2. Scegli come gestirai i prodotti definitivamente fuori produzione

Se l’articolo viene rimosso definitivamente dalla vendita, hai diverse opzioni per gestire la sua pagina di prodotto.

  • Restituisce una pagina 404. 404 è un modo naturale per rimuovere le pagine dall’indice del motore di ricerca; le classifiche generali del sito Web non saranno interessate. Assicurati di rimuovere 404 pagine dalla Sitemap XML del tuo sito – questo invierà un segnale forte ai motori di ricerca che la pagina dovrebbe essere rimossa dall’indice. Questo approccio è adatto per le pagine che non hanno molti backlink e che non fungono da punto di accesso al sito Web. Se la pagina si classifica bene per alcune query, considera altre opzioni.
  • Crea un reindirizzamento 301 verso un articolo simile o una categoria di prodotto pertinente. Il reindirizzamento ti aiuterà a salvare il collegamento del link; sul lato negativo, 301 reindirizzamenti possono aumentare i tempi di caricamento e confondere il visitatore.
  • Conserva la pagina del prodotto, ma indica che l’articolo è fuori produzione e offre un’alternativa. In questo modo conserverai il collegamento del link e le classifiche della pagina. Tuttavia, questa opzione non è consigliata se l’inventario del negozio online cambia spesso – non vuoi finire con migliaia di prodotti fantasma che sprecano il tuo
  • budget di scansione ( vi farò un articolo inerente a qst )


3. Essere pronti per la domanda e il traffico stagionali

Se stai pianificando di lanciare un nuovo prodotto, è saggio preparare il tuo sito Web in anticipo in modo da avere una pagina ben classificata prima che il prodotto sia disponibile. Crea una pagina per il nuovo prodotto. Popolare con immagini, descrizioni dei prodotti o qualsiasi altro contenuto che possa attirare i clienti. Consentire ai potenziali clienti di iscriversi a una newsletter in modo da essere avvisati quando arriva il prodotto.

Per quanto riguarda il traffico stagionale, ad esempio articoli di Halloween, puoi tenere una categoria annuale sul tuo sito web come / halloween-products-2016 . Una volta terminata la stagione, puoi reindirizzare 301 la vecchia pagina su una nuova / halloween-products-2017 , quando diventa necessario. In questo modo conserverete i backlink e allo stesso tempo la pagina apparirà “aggiornata”.


Passaggio 7:paginaturaUtilizzare correttamente l’impaginazione per evitare problemi di duplicazione e indicizzazione

L’impaginazione è la pratica di segmentare un contenuto in più pagine. Su un sito Web di e-commerce, l’impaginazione può creare una serie di pagine molto simili con contenuti sovrapposti. Se la barra di impaginazione sul tuo sito include solo poche pagine e ogni numero che rappresenta una pagina successiva è visibile e cliccabile, questo di solito non costituisce un problema. Ecco un esempio:

Ma se il numero di pagine supera un determinato importo, la barra di impaginazione visualizzerà solo un paio di pagine iniziali e alcune pagine finali. Le pagine intermedie non saranno collegate alla pagina principale, di conseguenza verranno scansionate dai motori di ricerca meno spesso.

Questo problema può essere risolto in due modi:

  • Aggiungi un’opzione Visualizza tutto . Valuta di aggiungere una pagina che contenga i prodotti di tutte le pagine. In questo scenario, ogni pagina divisa dovrebbe contenere il collegamento rel = “canonico” che punta alla pagina di visualizzazione completa. Vedi il post sul blog di Google per una guida dettagliata.
  • Aggiungi i tag rel = “next” e rel = “prev”. Questi tag possono essere utilizzati all’interno del tag <head> di una pagina per indicare le pagine successive e precedenti di una serie. La prima pagina avrà solo un tag rel = “next” e l’ultima – solo un tag rel = “prev” , mentre le pagine intermedie conterranno entrambi. Questi tag danno a Google un suggerimento per trattare le pagine divise come una. Questo approccio ti aiuterà a consolidare i backlink e Google probabilmente visualizzerà solo la pagina più pertinente (la prima) nelle SERP. Per ulteriori informazioni su rel = “next” e rel = “prev” , consulta questo post sul blog di Google Webmaster.

Passaggio 8:Velocità del sitoOttimizza il tempo di caricamento delle tue pagine per una migliore classifica ed esperienza utente

La velocità del sito è un fattore che ha un doppio effetto sui siti Web di e-commerce. Un sito web lento è un’esperienza utente scadente; la scarsa esperienza dell’utente si traduce spesso in minori vendite. Anche la velocità del sito è un fattore di classifica; le pagine a caricamento rapido ottengono un vantaggio rispetto a quelle più lente nei risultati di ricerca.

Innanzitutto, dovrai testare le tue landing page principali per assicurarti che non ci siano problemi di velocità. Puoi farlo rapidamente

con website control oppure auditor

1. Crea o apri un progetto Auditor WebSite per il tuo sito.
2. Vai al modulo Analisi del contenuto .
3. Selezionare una pagina che si desidera testare, inserire le parole chiave e procedere con i passaggi successivi, se necessario.

Insieme ad altri contenuti e informazioni tecniche, il software eseguirà un test di velocità della pagina dettagliato. Consulta la sezione Velocità pagina (desktop) e assicurati che la tua pagina sia libera da eventuali problemi che potrebbero rallentarla.

Ecco le 5 principali cose che influenzano la velocità della pagina e sono spesso ignorate dai siti di e-commerce.

  • Elimina reindirizzamenti non necessari. Molto spesso i siti Web reindirizzano i visitatori dalla versione non www alla versione www e quindi alla versione mobile o a un URL intuitivo. Elimina tali reindirizzamenti intermedi ogni volta che puoi farlo in sicurezza.
  • Ottimizza le immagini dei prodotti. I siti Web di e-commerce solitamente contengono molte immagini di prodotti, che rappresentano la quota maggiore del payload del traffico. Assicurati che tutte le immagini siano ottimizzate e di dimensioni compresse. Prendi in considerazione l’utilizzo di immagini più piccole con un’opzione per aprire una versione più grande.
  • Abilita la memorizzazione nella cache del browser. I visitatori del sito Web di e-commerce visualizzano in genere molte pagine per sessione. Non vuoi che caricino il contenuto invariato ancora e ancora, vero?
  • Dai la priorità al carico di contenuti visibili per le pagine che hanno una barra di scorrimento.
  • Evita JavaScript che blocca il rendering della pagina. Farà sì che il browser dell’utente attenda il caricamento dello script prima di caricare la pagina stessa.
  • Sfrutta la tecnologia AMP per il blog e le pagine di notizie.  AMP  è una nuova tecnologia che consente alle pagine con contenuto statico di eseguire il rendering più velocemente delle pagine normali.

Passaggio 9:MobileOffri un’ottima esperienza utente su tutti i dispositivi

Il 50% del traffico di ricerca di Google è mobile. Circa il 60% dei consumatori utilizza dispositivi mobili per prendere decisioni di acquisto. Se stai promuovendo un sito Web di e-commerce, non puoi trascurare questo vasto pubblico.

Proprio come la velocità del sito, una scarsa esperienza utente sui dispositivi mobili può comportare una riduzione delle vendite e influenzare negativamente il tuo posizionamento.

1. Passa al cellulare se non l’hai già fatto

Se non hai ancora portato il tuo sito mobile, dovrai iniziare con la scelta della tecnologia giusta. Esistono tre opzioni principali: pubblicazione dinamica, pagine mobili separate e design reattivo.

Per i siti di e-commerce, il design reattivo è forse il modo migliore di procedere. Ecco alcuni vantaggi di questa opzione:

  • Stesso URL per le versioni mobili e desktop delle pagine. L’uso di un singolo URL per un contenuto semplifica l’interazione, la condivisione e il collegamento degli utenti con tali contenuti. Tali pagine sono anche più facili da scoprire e indicizzare per i motori di ricerca.
  • La presentazione del contenuto è personalizzabile a seconda del tipo di dispositivo da cui viene visualizzata.
  • Nessun reindirizzamento. A differenza di una versione mobile separata del sito, il design reattivo non richiede reindirizzamenti aggiuntivi. Ciò consente un tempo di caricamento e un’esperienza utente migliori.

2. Ricontrolla le pagine di un sito mobile

Se non sei sicuro che la tua pagina sia completamente ottimizzata per i dispositivi mobili, ecco un modo rapido per verificare che:

1. Apri il tuo progetto  .
2. Vai a Analisi del contenuto .
3. Seleziona la pagina da analizzare in base alla compatibilità con i dispositivi mobili e procedi con i passaggi successivi.

Una volta completata l’analisi, controlla la sezione Usabilità della pagina (mobile) per vedere se la tua pagina è completamente ottimizzata per i dispositivi mobili. Esamina i fattori in questa sezione per vedere se puoi apportare miglioramenti ai tuoi visitatori mobili.


Passaggio 10:HTTPSCrea un sito sicuro per guadagnare la fiducia dei clienti (e di Google)

A partire dal 2016, HTTPS non sembra essere un fattore di classifica significativo. Almeno, la maggior parte dei SEO non osserva cambiamenti significativi nella classifica positiva dopo il trasferimento a HTTPS. Tuttavia, il passaggio a HTTPS è fondamentale per i siti Web di e-commerce per proteggere i dettagli della carta di credito dei clienti e altre informazioni personali.

Avrai bisogno di 2 cose per andare su HTTPS: un IP dedicato e un certificato SSL. Per ottenere un IP dedicato, contatta il tuo provider di hosting. Anche ottenere un certificato non è un grosso problema: ci sono molti fornitori di certificati SSL come Comodo o Geotrust per citarne alcuni. Dopo aver installato il certificato, ricordati di testare se è configurato correttamente con questo strumento dai laboratori SSL.

vi rammento che anche con noi avreste un provider Hosting pioniere dal 1993 e presente nei motori di ricerca 100 italiani e 1800 internazionali come Top number One nel gratuito e top 10 nel pagato , x Geo Trust basta comunicarlo a noi e vi faremo uno sconto del 15%

Ci sono alcune insidie ​​comuni da evitare durante il trasferimento su HTTPS.

  • Se il tuo sito Web utilizza una rete di distribuzione dei contenuti, script e API di terze parti , assicurati che supportino HTTPS. In caso contrario, i visitatori riceveranno errori nel caricamento della pagina o notifiche che crittografano solo una parte del contenuto.
  • Assicurarsi che tutti i collegamenti interni puntino alla versione HTTPS del sito Web. Se i tuoi sviluppatori web utilizzano collegamenti assoluti, dovrai sicuramente risolverli.
  • Configurare correttamente i reindirizzamenti dalla versione HTTP alla versione HTTPS. I reindirizzamenti scadenti sono un problema comune con HTTPS, specialmente se solo alcune parti del tuo sito Web sono crittografate.

Cercare il codice sorgente del sito Web e cercare collegamenti non https non è divertente. Tuttavia, l’ opzione Ricerca personalizzata di

WEBSITE che hai creato esempio con auditor consente di trovare tutte le istanze di qualsiasi contenuto in un sito Web, sia esso un tag HTML, uno script, un plug-in o un pezzo di testo. La ricerca personalizzata ti aiuterà sicuramente a passare a HTTPS senza problemi. Visita questo

articolo di ricerca personalizzato per le istruzioni dettagliate.


Passaggio 11:Budget per scansioneAssicurati che i motori di ricerca possano eseguire la scansione delle pagine che contano per il SEO

Il budget di scansione è il numero di pagine di un sito Web su cui i motori di ricerca possono eseguire la scansione al giorno. Il valore è diverso per ogni sito, poiché il budget di ricerca per indicizzazione è strettamente correlato all’autorità del sito Web. Questa metrica è particolarmente importante per i siti Web di e-commerce con grandi inventari. Sebbene non sia possibile fare in modo che i motori di ricerca eseguano la scansione di più pagine, è possibile facilitare il loro lavoro rimuovendo il disordine sulla loro strada.

  • Sbarazzarsi di pagine duplicate. Certo, potresti avere a che fare con contenuti duplicati con rel = “canonical” , ma la scansione di contenuti duplicati spreca il tuo budget di scansione e rallenta la scoperta di nuovi contenuti.
  • Prevenire l’indicizzazione di contenuti inutili (in termini di SEO). Informativa sulla privacy, termini e condizioni e promozioni scadute sono buoni candidati per una regola Disallow in robots.txt.
  • Evita lunghe catene di reindirizzamento. Se c’è un numero irragionevole di 301 reindirizzamenti di fila sul tuo sito, gli spider di ricerca smetteranno di seguire i reindirizzamenti ad un certo punto e la pagina di destinazione potrebbe non essere sottoposta a scansione. Inoltre, ogni URL reindirizzato è probabilmente uno spreco di una “unità” del tuo budget di scansione.
  • Gestisci i parametri URL. Il tuo sistema di gestione dei contenuti può generare molti URL dinamici che di fatto portano a una stessa pagina. Ci vorrà del tempo prima che i motori di ricerca lo capiscano. Assicurati di informare i robot di ricerca sui parametri aggiungendoli nel tuo account Google Search Console .
  • Correggi i collegamenti interrotti. Colpire i collegamenti interrotti spreca il tuo budget di ricerca per indicizzazione e non porta i robot dei motori di ricerca ovunque utili.
  • Mantieni la tua Sitemap XML aggiornata e assicurati di registrare le Sitemap XML in Google Search Console.

Il revisore dei siti Web può controllare il tuo sito Web per tutti i problemi relativi all’ottimizzazione del budget di scansione. Basta creare un nuovo progetto e fare clic sulla voce di menu sul lato sinistro del modulo Site Audit.


Queste sono le cose più importanti da ricordare quando si ottimizza un sito Web di e-commerce. Se hai altri suggerimenti da condividere, passa alla discussione nei commenti!

11 passi fondamentali per il successo SEO dell’e-commerce 1 parte

Amici vedo che siete pigroni a leggere cosi ho detto ma allora scusate cosa mettiamo a fare stampa, crea pdf,power point etc? qst cose noi le potremmo vendere, il sapere ha un prezzo molto elevato specie oggi, ma capirete ogni volta spiegare ciao amici sono Mark oppure l’amico frank ninja , molti di voi erano con noi a dominhosting.com/shophouse, ricorderete il motore di ricerca coolexa, bazoogle abbiamo cavalcato algoritmo google poi ha girato nel viadoto ed è sparito con il mostro di lockness, i tempi di signoripagoio, freeadvertising x prendere in giro, adword360, i Ppp gratis ebbene si siamo sempre noi, come il vento sempre in movimento ebbene qui in due puntate vi svelo le 11 regole ,credetemi se applicate con la dovuta regoluccia come matematica l’espressione è risolta!

si parte fermate le tastiere, bloccate i mouse e ATTENZIONE:::: concentrazione, ritmo, velocità

Fare marketing per i siti Web di e-commerce  è associato a sfide molto specifiche. Innanzitutto, la promozione di siti Web di e-commerce richiede al marketer di bilanciare esperienza utente, ottimizzazione delle conversioni e SEO. In secondo luogo, i negozi online sono generalmente su larga scala e complicati, quindi le banali attività di ottimizzazione su pagina possono trasformarsi in un incubo senza fine.

n questa guida troverai una serie di problemi tecnici e di contenuto che tutti coloro che fanno SEO e-commerce dovranno affrontare e how-to attuabili e trucchi per risparmiare tempo nel affrontarli.


Ricerca per parole chiaveDimentica parole chiave generiche, pensa a combinazioni di parole intelligenti

La ricerca di parole chiave per siti Web di e-commerce va ben oltre il volume di ricerca e l’analisi della concorrenza. La ragione di ciò è la complessità del ciclo di acquisto: ogni passaggio in esso richiede parole chiave diverse che dovresti scegliere come target.

In genere, i clienti di un negozio online passano 5 fasi prima di effettuare un acquisto; parole chiave e frasi diverse vengono utilizzate in ogni fase.

1. Compila 3 elenchi di parole chiave separate

Come puoi vedere, le parole chiave utilizzate dai clienti nelle fasi di ricerca, confronto e acquisto offrono il massimo valore in termini di potenziale di conversione. Per ottenere un elenco completo di questi, è necessario elaborare 3 gruppi di parole chiave che successivamente verranno combinate in query a coda lunga.

Ma prima di iniziare, ricorda di ricercare schemi di ricerca tipici del tuo pubblico di destinazione: considera il genere, l’età e lo stato sociale. Ad esempio, se sei un maschio e stai lottando per ottenere il traffico organico per un negozio di cura della pelle, abbi cura di parlare con le tue colleghe o amiche per scoprire il gergo che usano quando parlano di queste cose. Dedica un po ‘di tempo alle risorse dei social media pertinenti per imparare la lingua del tuo pubblico.Nota

La ricerca interna di siti Web è una preziosa fonte di informazioni sui termini di ricerca che il pubblico target utilizzerà per trovare prodotti e servizi. Questi dati sono particolarmente utili per un sito Web di e-commerce. Da un lato, si ottengono termini di ricerca “reali”, dall’altro si ottengono ulteriori informazioni sulla domanda e la popolarità di determinati prodotti. Fin dai tempi “non forniti”, la ricerca interna è uno dei pochi modi per dare un’occhiata alle query di parole chiave effettive. Il monitoraggio della ricerca interna è piuttosto semplice da implementare. Se stai utilizzando Google Analytics (e sono sicuro che lo fai), dai un’occhiata a questo articolo di aiuto .

Quando sei sicuro di capire come parlano i tuoi clienti e quali parole usano, vai a mettere il tuo elenco di parole chiave.

  • Preparare un elenco di parole chiave di azione che i clienti potrebbero utilizzare nelle fasi di confronto e acquisto come parte della loro query. Non aggiungere ancora i nomi dei prodotti o delle categorie a queste parole chiave.
    Ad esempio “acquista”, “acquisto”, “prezzo”, “confronta”, “recensione”.
  • Ottieni un elenco completo dei marchi disponibili nel tuo negozio.
    Ad esempio “Sony”, “Samsung”, “Apple”.
  • Compila un elenco di categorie, nomi di prodotti e loro proprietà principali, come dimensioni o colore.
    Ad esempio “TV”, “laptop”, “smartphone”; “Iphone”, “Galaxy Note”, “Display da 34 pollici”.

2. Mescola le parole chiave

Dopo aver preparato questi tre elenchi, è tempo di passare a mettere insieme le frasi di ricerca. La combinazione di parole chiave generiche con le parole chiave del prodotto e le loro proprietà dovrebbe darti decine di parole chiave a coda lunga, come “acquista TV Samsung da 42 pollici” . Funziona come una slot machine: giri i rulli e ottieni nuove parole chiave.

Puoi farlo manualmente se devi mescolare una dozzina di parole chiave. Tuttavia, data la dimensione dell’inventario nella maggior parte dei negozi online, probabilmente avrai bisogno di strumenti software per fare le cose rapidamente.

Prova a utilizzare l’ opzione Combinazione di parole di Rank Trecker per ottenere immediatamente un elenco completo di possibili parole chiave a coda lunga.

1. Creare o aprire un progetto in Track Tracker.
2. Fai clic sul pulsante Suggerisci parole chiave .
3. Selezionare Combinazione di parole tra i metodi di ricerca delle parole chiave disponibili e premere Avanti .
4. Selezionare il numero di parti da combinare, inserire le parole chiave nelle colonne e fare di nuovo clic su Avanti .

(A proposito, sembra esattamente come una slot machine!)

In un attimo, otterrai molte frasi di parole chiave a coda lunga.

Seleziona le parole chiave da aggiungere al tuo progetto e premi Aggiorna KEI per ottenere il volume di ricerca, la concorrenza e l’indice di efficienza delle parole chiave.

Voila – ti sei appena salvato un paio d’ore!


Passo 2:Matrice delle parole chiaveEsegui il targeting per parole chiave intelligente per evitare la cannibalizzazione

Hai mai sentito parlare della cannibalizzazione delle parole chiave? Per farla breve, se diverse pagine del tuo sito Web contengono una risposta alla stessa query di ricerca, queste pagine saranno in competizione tra loro nelle SERP per le classifiche. I motori di ricerca possono classificare la pagina che è meno adatta o importante dal tuo punto di vista.

Per evitare la cannibalizzazione delle parole chiave, creare una matrice di parole chiave. Riempi le righe in un foglio di calcolo con gli URL delle pagine più importanti del tuo sito (molto probabilmente le pagine delle categorie di prodotti) e crea colonne per le tue parole chiave. Metti un segno all’intersezione di riga / colonna per assegnare una determinata parola chiave a una determinata pagina. Questo metodo ti aiuterà a non utilizzare la parola chiave importante su più pagine.

URLparole
Samsung tvToshiba tvSony tv
www.mystore.com/samsung-tvX
www.mystore.com/sony-tvX
www.mystore.com/Toshiba-tvX

In alternativa, è possibile utilizzare Rank Tracker s’ Chiave Mappa del cruscotto che consente di mappare le parole chiave e interi gruppi di parole chiave a pagine di destinazione facendo clic su Assegna parola chiave per pagina di destinazione . Nella scheda Pagine di destinazione , sarai in grado di navigare facilmente attraverso la mappa delle parole chiave mediante l’URL delle pagine di destinazione per visualizzare immediatamente tutte le parole chiave associate a una determinata pagina.

Una volta che le tue parole chiave sono state mappate alle pagine di destinazione, Rank Tracker si assicurerà che le pagine giuste si classifichino per le parole chiave assegnate. Verrà visualizzato un segnale di avvertimento accanto all’URL della pagina nell’area di lavoro Tracciamento ranking se una pagina errata viene classificata per la parola chiave.

Puoi leggere la mappatura delle parole chiave in modo più dettagliato nel seguente articolo sulle tecniche di ricerca  avanzata delle 

parole chiave

Se il CMS del tuo negozio online crea pagine separate per tali variazioni di un prodotto come dimensioni e colore, ha senso limitare tali pagine dall’indicizzazione usando il tag robots.txt o <meta name = “robots” content = “noindex”> . La canonizzazione è un’altra soluzione (vedere le linee guida di Google per istruzioni dettagliate).


Passaggio 3:Ottimizzazione sulla paginaRisparmia tempo nell’ottimizzazione di migliaia di pagine di prodotti

Un sito Web di e-commerce in genere ha un numero limitato di pagine di categoria e migliaia di pagine di prodotti. Tutto è più o meno chiaro con le pagine delle categorie (di solito sono soggette al tradizionale approccio SEO on-page; se sei nuovo di SEO, dai un’occhiata alla Guida SEO dalla A alla Z per i passaggi).

Le cose si complicano quando si tratta di pagine di prodotti . Difficilmente avrai il tempo e le risorse per creare titoli unici, tag H1 e descrizioni per ogni pagina del prodotto.

Fortunatamente, l’approccio delle slot machine (vedi la sezione Ricerca delle parole chiave ) può essere usato anche per i meta tag.

Crea titolo, meta descrizione e modelli H1 per le pagine dei tuoi prodotti. Ad esempio, è possibile utilizzare questo modello per il tag del titolo: Acquista [ProductName] online | Il nome del tuo negozio

[ProductName] è una variabile che cambia per ogni pagina a seconda del prodotto. Se il tuo CMS non supporta le variabili, chiedi aiuto al tuo team di sviluppo.

Fai lo stesso per i tuoi H1 e descrizioni e ricorda che i titoli e le meta descrizioni sono visualizzati nello snippet della tua inserzione nelle SERP, quindi assicurati di utilizzare forti inviti all’azione per attirare i clic dai risultati di ricerca.

Se hai bisogno di informazioni dettagliate su come creare pagine ottimizzate per SEO, non perdere questa guida completa sul ottimizzazione della pagina di destinazione (segue nuovo articolo dopo la seconda parte)

restate connessi se volete fare del 2020 il successo!!!


Passaggio 4:Dati strutturatiEvidenzia i dettagli del prodotto e le recensioni degli utenti

Siamo entrati nell’epoca della ricerca semantica, quando Google comprende entità e concetti alla base delle query di ricerca. Sebbene il gigante della ricerca sia già molto bravo in questo, dobbiamo ancora aiutare il motore di ricerca a comprendere meglio il contenuto dei nostri siti Web. Il markup dello schema è il codice inserito nel tuo sito Web per aiutare i motori di ricerca a restituire risultati più informativi per gli utenti.

Esistono oltre una dozzina di schemi di markup. Ma ce ne sono due che sono davvero importanti per un sito Web di e-commerce. Questi sono lo schema del prodotto e lo schema di revisione .

Dopo l’implementazione del markup dello Schema, i frammenti del tuo sito Web riceveranno ulteriori informazioni come valutazione, prezzo, disponibilità che aiuteranno il tuo sito Web a distinguersi nelle SERP.

Puoi utilizzare website auditor (se non sai come fare richiedi help)  per verificare quale tipo di markup Schema è stato implementato e su quali pagine del tuo sito. Basta aprire il pannello Pagine nel modulo Controllo sito e passare alla scheda Apri grafico e dati strutturati .


Passaggio 5:DuplicazioneAssicurati che ogni pagina del tuo sito sia unica

I problemi di contenuti duplicati per i siti di e-commerce rientrano in due categorie:

  • Fuori sede : il contenuto viene visualizzato su molti siti Web sul Web.
  • Sul posto : molte pagine del sito Web presentano lo stesso contenuto.

1. Correzione della duplicazione fuori sede

La duplicazione off-site è naturale per l’e-commerce. I negozi online utilizzano spesso descrizioni, immagini e specifiche dei prodotti fornite dai produttori. Questo è logico, dal momento che non è possibile inventare nuove specifiche per l’ultimo iPhone. Tuttavia, esistono diverse soluzioni al problema.

  • Scrivi descrizioni uniche per ciascun elemento. Se hai un team di copywriter per ottenere l’intero inventario coperto, provalo. Tieni presente che man mano che l’inventario si ingrandisce, dovrai tenere il passo anche con la copia.
  • Sfrutta i contenuti generati dagli utenti. Creare incentivi per i visitatori a scrivere recensioni degli articoli acquistati. Invia e-mail di follow-up e chiedi una recensione, oppure offri sconti o bonus ai clienti che lasciano una recensione. Il rovescio della medaglia, non vi è alcuna garanzia che si avrà un flusso costante di recensioni per tutti gli articoli venduti. Inoltre, le recensioni dovrebbero essere moderate per evitare spam o linguaggio osceno, che richiede risorse aggiuntive.
  • Aggiungi una sezione Domande e risposte per ciascun prodotto. Puoi rendere uniche le descrizioni dei tuoi prodotti aggiungendo una sezione FAQ con domande che i clienti hanno spesso sul prodotto. Ancora una volta, ciò richiederà ulteriori risorse umane.
  • Ottimizza solo le pagine delle categorie di prodotti. Se non hai il tempo e le risorse per lavorare sulle pagine dei prodotti, puoi scegliere di creare contenuti unici solo per le pagine delle categorie. In questo caso, è necessario impedire l’indicizzazione delle pagine del prodotto (utilizzando robots.txt o meta tag); ciò significa che le pagine del prodotto non verranno visualizzate nelle SERP.

2. Correzione della duplicazione in loco

La duplicazione in loco è un problema frequente nelle pagine dei negozi online. Può essere causato dal sistema di gestione dei contenuti e-commerce o da una struttura del sito Web illogica.

Esistono due scenari tipici. Innanzitutto, un prodotto può appartenere a diverse categorie, ad esempio un televisore Samsung può essere trovato in “Home”, “TV” e “Samsung”. Il CMS può generare URL diversi per lo stesso prodotto a seconda del percorso che un utente intraprende nel catalogo prodotti. Per esempio:

http://mystore.com/tv-sets/samsung-un65hu9000-65-inch.htmlhttp://mystore.com/samsung/samsung-un65hu9000-65-inch.html

In secondo luogo, il CMS potrebbe generare un URL e una pagina separati per le variazioni di un prodotto (ad es. Dimensioni, colore o altre specifiche). Questo approccio non era un problema prima dell’aggiornamento dell’algoritmo Panda di Google ; attualmente, Google può penalizzare i siti Web per pagine di prodotti duplicate su URL diversi. Per esempio:

http://mystore.com/women-hoodies/juicy-couture-velour-hoodie-white.htmlhttp://mystore.com/women-hoodies/juicy-couture-velour-hoodie-black.html

Esistono diversi modi per aggirare la duplicazione in loco:

  • URL principali. Indipendentemente dal percorso seguito da un utente nel catalogo, il server di amministrazione centrale deve sempre restituire un solo URL per un determinato prodotto. Tutte le varianti di prodotto devono essere rappresentate su una pagina raggiungibile tramite un URL, in modo che l’utente non venga reindirizzato ad altre pagine. Questo approccio elimina la duplicazione dei contenuti e garantisce che il budget di scansione  del tuo sito venga utilizzato con saggezza.
  • Canonica. Questa tecnica risolve il problema del contenuto duplicato, ma può avere svantaggi in termini di esperienza utente e budget di scansione. Consulta la guida alla canonicalizzazione di Google per informazioni dettagliate.

Eccoci giunti a metà articolo adesso sta a voi decidere se volete portare a termine questa guida di valore oppure chiudere e visitare altri siti, vi rubo un attimo del vostro tempo prezioso per farvi presente che questo non è un sito dove poi c’è lo shop vendiamo e arrivederci, chi entra con noi entra in una famiglia dove il fulcro è condurre al successo, avete jolyweb, jollyweb24, jolyone, ilvostrocoach, bestadvisoryacademy, jollygadget è un brand di MC360°Enterprise nel Hosting diversi nomi conosciuti vedi runhosting,fastenet i marchi presenti in Home SharkHosting , nella Seo Primabiz , jolly wholsale controllate pure nei siti di elettronica visiona

visionare oggi è doveroso MC360° è presente nel web dal 1990 nel tempo abbiamo creato svariati progetti

ma non voglio annoiarvi non è auto presentazione non ritengo di averne bisogno ma giusto per conoscere chi non mi conosce gia amici, bene allora pronti seconda puntata delle 11 regole doro del e-comerce

vi aspetto di la e commentate….

Marketing e-commerce: tutto quello che devi sapere per far esplodere il tuo eShop nel 2020

Eccoci amici adesso si parte in quarta diamo un saggio del nostro bagaglio di esperienza e non risparmiamo nessuno. ora sedetevi comodi e prendete le dovute pause, vi concedo di scaricare come guida, pdf, trattato stampa, questo per darvi un saggio di cio che entrando con noi potreste imparare

Partiamo:

Il marketing e-commerce è un settore da miliardi di dollari: basta chiedere a Jeff Bezos.

marketing e-commerce

Ogni anno porta un altro giro di chiusure e una corrispondente esplosione di negozi online.

Nel Regno Unito, HMV, Toys R Us e Maplin sembravano intoccabili; l’anno scorso hanno chiuso tutti centinaia di filiali o chiuso per sempre.

Nel frattempo, la spesa e-commerce è cresciuta del 15%  solo l’ anno scorso . In questo momento, l’e-commerce comprende solo un decimo della spesa al dettaglio negli Stati Uniti:

marketing e-commerce

Ma è difficile interpretare male questa tendenza.

È fantastico, tranne per il fatto che i negozi di e-commerce devono affrontare una forte concorrenza da parte di siti con giochi di marketing altrettanto seri.

Lo shopping dei consumatori e le abitudini di spesa cambiano, gli algoritmi di ricerca cambiano ed è fondamentale cambiare con loro; i buoni consigli dell’anno scorso potrebbero farti perdere clienti e denaro.

Quindi, come dovrebbero gli esperti di e-commerce ottenere più lead e vendite nel 2019?

In questo post esamineremo cinque aree principali, spiegando come utilizzare annunci a pagamento, contenuti, e-mail, il tuo sito Web e l’esperienza del prodotto per commercializzare efficacemente il tuo negozio di e-commerce.

1. In che modo gli esperti di e-commerce dovrebbero utilizzare annunci a pagamento?

Nell’ultimo anno, il problema della frode nella pubblicità digitale è passato da una lamentela del settore a una storia di prima pagina.

L’ Intelligencer ha pubblicato una storia nel dicembre dello scorso anno  chiedendo: “Quanto di Internet è falso?” Nello stesso titolo, l’autore dell’articolo, Max Read, ha risposto alla sua domanda:

“In effetti, molto, in realtà.”

Il pezzo è servito come una raccolta per mesi di copertura sempre più negativa dello spazio pubblicitario digitale.

Innanzitutto, hai otto accuse del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti  in un caso di frode pubblicitaria da 36 milioni di dollari che recita come I vestiti nuovi dell’imperatore per l’era pay-per-click : siti Web falsi, con traffico falso diretto a loro da malware.

L’unica cosa vera nell’equazione erano i soldi, rubati agli acquirenti di annunci che credevano che i loro annunci andassero di fronte a veri e propri bulbi oculari umani, e avevano le statistiche per dimostrarlo.

Poi c’è il famigerato problema delle visualizzazioni di video di Facebook: non solo la società ha incoraggiato un ‘pivot to video’ potenzialmente disastroso su più media e organizzazioni di creazione di contenuti (inclusi negozi di e-commerce) fornendo agli acquirenti di annunci numeri di visualizzazione dei video estremamente gonfiati ; essi possono avere conosciuto su di esso per più di un anno .

Su alcune piattaforme, il problema è così grave che minaccia l’assurdità.

Per un po ‘nel 2013, gran parte del traffico di YouTube era costituito da robot che i lavoratori di YouTube temevano una “inversione”, in cui i loro sistemi di rilevamento di spam e bot avrebbero iniziato a riconoscere i robot come traffico reale e avrebbero iniziato a penalizzare automaticamente gli utenti umani.

E YouTube rappresenta fino a un quarto  di tutte le spese pubblicitarie video in America!

Anche se puoi affermare con certezza che i tuoi annunci sono davanti a persone reali, hai ancora il problema della protezione del marchio o della corrispondenza del marchio.

Anche qui YouTube ha avuto problemi: ricordi quando Johnson e Johnson, AT&T e Loreal hanno scoperto che i loro annunci su YouTube venivano pubblicati all’inizio dei video dei suprematisti bianchi ?

YouTube ha preso provvedimenti per risolverlo da allora, ma ancora: l’acquisto di annunci programmatici può lasciare i marchi esposti ad associazioni sgradevoli.

Quindi, che tipo di pubblicità digitale è ancora efficace per i moderni negozi di e-commerce?

È meno una questione del tipo che usi, più di come lo usi, anche se ti consigliamo di non fare troppo affidamento sull’acquisto programmatico di annunci e ti consigliamo di utilizzare annunci dove hai più controllo.

Pay Per Click (PPC) / Cerca annunci

Gli annunci PPC rimangono un modo efficace per acquisire traffico per il tuo negozio di eCommerce.

Gli annunci della rete di ricerca ti danno il potere di selezionare e scolpire, nonché di indirizzare il traffico e indirizzarlo in modo affidabile a pagine specifiche. Ciò genererà vendite .

Questi sono vantaggi significativi rispetto al traffico di ricerca organico “gratuito”.

Stai eseguendo un lancio di un prodotto, una vendita o ti trasferisci in una nuova area di prodotti?

Quelle pagine potrebbero non attrarre molto traffico organico, ma PPC può portare il traffico di cui hai bisogno.

Questo approccio sarà più efficace se strettamente integrato con la tua strategia SEO , poiché i due approcci possono funzionare in sinergia.

PPC tende inoltre a generare traffico ad alta conversione orientato all’acquisto e la tua strategia di parole chiave per i tuoi annunci PC dovrebbe essere orientata al prodotto.

Qualcuno alla ricerca di “scarpe oxford da donna rosse misura 71/2”, ad esempio, sta probabilmente cercando di acquistare un paio; per lo meno, lo stanno prendendo in considerazione, motivo per cui la ricerca è così specifica.

Laddove non effettuano un acquisto, potrebbero comunque diventare il candidato ideale per l’email marketing, che vedremo di seguito.

Come far funzionare PPC per il tuo negozio eCommerce

Le conversioni sono ciò che conta, non i clic.

Molte aziende lanceranno un’ampia rete, sperando di catturare il maggior traffico possibile; ma se ti concentri su parole chiave a conversione elevata tenendo presente l’intenzione di acquisto, avrai maggiori probabilità di vedere una campagna PPC con ROI elevato.

“Abbiamo scoperto che l’azienda media ottiene tutte le sue conversioni solo dal 6% delle sue parole chiave”, afferma Jacob Baardsgaard di PPCHero . “Il resto del pescato è inutile, ma consuma ancora il 76% del bilancio PPC.”

È ovvio, quindi, che identificare parole chiave ad alto rendimento è la cosa più vitale che puoi fare per il tuo successo PPC.

Se hai impostato il monitoraggio delle conversioni in Google Analytics o l’equivalente nello strumento che preferisci, dovresti essere in grado di vedere quali parole chiave hanno prodotto conversioni; in caso contrario, puoi guardare alla segmentazione del pubblico.

Inizia con i tuoi migliori contatti, quindi torna indietro da lì. Se non disponi di informazioni sulle parole chiave per mostrare come sono arrivate al sito, guarda le parole chiave per le quali hanno acquistato la classifica e cerca di utilizzare parole chiave simili nella tua campagna PPC.

Ricorda: più specifica è la tua parola chiave, più è probabile che sia efficace; stai cercando quel punto debole in cui la percentuale più alta possibile di persone che vedono il tuo annuncio è buona, orientata all’acquisto, senza cercare di ottenere traffico di per sé.

Questa è una strada a doppio senso: usa i dati PPC per ottimizzare la ricerca organica e viceversa.

Quando Adept ha esaminato l’integrazione di PPC e SEO in questo modo , ha registrato un aumento delle vendite del 48% e un aumento del ROI del 223%.

  • Identifica parole chiave a conversione elevata
  • Se non ci riesci, identifica i segmenti di pubblico ad alta conversione e torna alle parole chiave
  • Integrazione con SEO, condivisione di dati e utilizzo della stessa strategia generale
automazione del marketing e-commerce

Bonus: come testare i tuoi annunci PPC nel modo giusto con 99Robot .

Annunci di Google Shopping – precedentemente annunci con scheda di prodotto (PLA)

Gli annunci di Google Shopping sono immobili di alta qualità con immagini di qualità rispetto agli annunci PPC di solo testo. Ecco la differenza:

piattaforma di marketing e-commerce

I PLA ti consentono di fare alcune delle cose più potenti che puoi fare nel marketing e-commerce: mostra all’utente un’immagine, mostra loro recensioni e mostra loro un prezzo.

Per questi motivi, i PLA sono di gran lunga lo strumento più efficace per i negozi di e-commerce.

Hanno senso se hai una vasta gamma di prodotti – in realtà, sono specificamente lì per i negozi di e-commerce più grandi.

Per utilizzare Google Shopping Ads avrai bisogno di un account Google Merchant Center e di un account Google Ads.

Come asso Google Shopping Ads

  • Assicurati che le tue immagini siano tue! Non fare affidamento su immagini del produttore, foto di stock o immagini di eBay / Amazon
  • Diventa un Google Trusted Store per aumentare il ranking e le percentuali di clic
  • Controlla la qualità del feed del tuo prodotto. Ciò è di fondamentale importanza: se il feed di dati e il sito Web non corrispondono, Google non visualizzerà i tuoi annunci di prodotto.

Pubblicità display

La pubblicità display funziona al meglio quando corrisponde strettamente alle intenzioni del cliente.

Pensa a un annuncio per scarpe da corsa: visualizzato a fianco di un post sul blog sui tassi dei mutui, è solo uno sfondo; è probabile che il lettore lo filtri e non se ne accorga nemmeno.

Questo destino riguarda anche altri tipi di pubblicità. Ma gli annunci display sono particolarmente colpiti. Guarda questo studio del gruppo NN:

marketing e-commerce

Il lettore ha esaminato il testo a cui sono realmente interessati e ha completamente ignorato le parti della pagina in cui possono aspettarsi di vedere annunci pubblicitari.

Fondamentalmente, non hanno guardato, hanno determinato che il contenuto è pubblicità e hanno guardato altrove.

Controlla la mappa di calore. Sapendo che possono aspettarsi di vedere contenuti pubblicitari nella barra laterale, il lettore non ha nemmeno guardato affatto.

Ora immagina che il nostro annuncio per scarpe da corsa sia visualizzato accanto a un articolo sulle lesioni da corsa, specialmente se porta a una pagina di destinazione che si occupa della prevenzione degli infortuni.

Ora stai parlando la lingua dei tuoi clienti e al momento giusto.

L’annuncio non è un’intrusione che il lettore deve filtrare; sono ulteriori informazioni utili.

Questo funziona solo quando gli annunci sono altamente specifici per quanto riguarda l’interesse e l’intenzione del lettore.

A causa di questo requisito di specificità, ha senso utilizzare annunci display per promuovere offerte speciali e altri eventi piuttosto che come tariffa pubblicitaria giornaliera per pane e burro.

Questi annunci dovrebbero essere targetizzati da:

  • Dati demografici del sito: posiziona annunci su pagine con dati demografici corrispondenti ai tuoi clienti.
  • Argomenti della pagina: posizionare annunci in base all’argomento di una pagina specifica.
  • Parole chiave: posiziona i tuoi annunci display in base alle parole chiave nella pagina.

retargeting

Inoltre, i negozi di e-commerce dovrebbero cercare di sfruttare il retargeting offerto da alcune reti pubblicitarie, permettendoti di mettere i tuoi annunci di fronte a persone che hanno già dimostrato disponibilità visitando il tuo sito web.

Gli annunci con retargeting possono offrire tassi di conversione fino al doppio di  quelli della pubblicità standard.

Come asso pubblicità display per il tuo negozio e-commerce

  • Scegli come target i tuoi personaggi, a partire dai dati demografici, quindi dal comportamento e dagli interessi
  • Utilizza gli annunci display per vendite, speciali e retargeting
  • Scegli le reti pubblicitarie che ti consentono di fare tutto ciò!
clicca qui banner

2.Content marketing per i negozi di e-commerce nel 2019

Quando vedi “content marketing”, è facile pensare che parleremo di post sul blog.

Grandi, prolissi come questo, o piccoli di 500 parole: il contenuto scritto è ciò che pensiamo per primo.

Ma ricorda, tutto può essere contenuto. Immagini, video, interattivi e diversi tipi di contenuti scritti possono essere sfruttati per aumentare il traffico e le conversioni.

Contenuto video e come sfruttarlo

Il contenuto video è il tipo di contenuto preferito di Internet.

È certamente il tipo di contenuto preferito dagli esperti di marketing. L’87% delle aziende lo usa, l’83% degli esperti di marketing che lo usano afferma di ottenere un buon ROI da esso e l’88% afferma che ci spenderanno di più quest’anno rispetto allo scorso anno, secondo Wyzowl .

Gli esperti di e-commerce possono far funzionare i video per loro in un modo in cui i contenuti di testo non possono fare.

Il solo contenuto di testo mostrerà in genere immagini fisse e istruzioni: guardare un video di qualcuno che sta eseguendo l’attività che stai per tentare rende più facile seguire e vedere i passaggi che le immagini potrebbero non essere rilevate e le difficoltà del testo da descrivere.

Inoltre, il video può mostrare un prodotto in azione in un modo che le immagini fisse non possono trasmettere.

Tutti sanno vendere lo sfrigolio, non la bistecca – a nessuno importa della potenza del robot da cucina, si preoccupano di come sarà usare l’oggetto nella loro cucina.

Il video ti consente di mostrarli.

In un settore in cui il marketing deve costantemente lottare per superare il fatto che l’acquirente non può vedere, sentire o provare il prodotto da solo, un video è il più vicino che puoi ottenere.

Il video ti consente di guidare i nuovi acquirenti attraverso l’installazione e la manutenzione del loro nuovo prodotto.

Il marketing non cessa dopo l’acquisto e la sensazione di competenza nell’impostazione del nuovo prodotto può aumentare la probabilità che i tuoi nuovi acquirenti si divertano e raccomandino il prodotto e il negozio da cui lo hanno acquistato.

Vale anche la pena collocare questi video nelle pagine dei prodotti affinché le persone possano vederli prima dell’acquisto, soprattutto se vendi qualcosa che richiede una configurazione o un assemblaggio; l’ansia del fatto che saranno in grado di installare o assemblare facilmente il prodotto sarà un grosso disincentivo all’acquisto e il tuo video può gestirlo per te.

Questo può anche essere un modo efficace per applicare il proprio marchio all’acquisto di prodotti realizzati da altre società.

Come massimizzare i contenuti video per il tuo negozio eCommerce

  • Youtube! È il secondo motore di ricerca più grande, sembra certamente che conferisca un miglior posizionamento nei risultati di ricerca di Google ed è hosting di video gratuito. Anche se scegli di non utilizzarlo per il tuo hosting video in loco, metti comunque i tuoi video su Youtube.
  • Realizza video in grado di svolgere diversi lavori. Un video è costoso: crea video di prodotti che raddoppiano come tutorial o video di marketing.
  • Ricorda che deve essere divertente per il tuo pubblico – target e segmento.

Post di blog: hanno un posto nel marketing e-commerce?

I post di blog come questo hanno meno probabilità di influenzare gli acquirenti di e-commerce. Concesso è di 5.000 parole, ma non è la dimensione che fa la differenza.

Il tuo pubblico leggerà quanto troverà rilevante e interessante.

I blog di e-commerce che sono stati assemblati in fretta di solito finiscono con del materiale di vendita e alcune notizie generali sullo spazio in cui il sito opera.

Questa e la scarsa qualità di scrittura sono i due omaggi più grandi che il sito ha un blog perché è una casella da spuntare, non perché c’è un vero piano per ottenere nuovi clienti e mantenere il vecchio, usando il blog.

Al contrario, ecco come può funzionare il blog di un sito di e-commerce.

piattaforma di marketing e-commerce

Au Lit Fine Linens vende lenzuola in lino e altri arredi in lino per il mercato del lusso.

Il loro blog, Between the Sheets, offre il loro lookbook, ma offre anche consigli su come mantenere la tua camera da letto ribaltabile e idee per lo stile della camera da letto da altre fonti.

automazione del marketing e-commerce

Tutte le loro immagini sono anche Pinnable.

Considera questo post, “Qual è la differenza tra un piumone e un piumino?”

marketing e-commerce

Qui l’autore spiega qualcosa che potrebbe essere abbastanza secco, con alcuni tocchi di umorismo e una voce umana.

‘Se apri un dizionario francese-inglese e guardi la parola “piumone”, vedrai che la traduzione letterale è “lanugine”, ed è esattamente come ci piace pensare a un piumone.

Un piumone è composto da due pezzi di tessuto cuciti insieme e imbottiti con qualsiasi forma di materiale isolante, che sia piuma d’oca, piume o fibre sintetiche.

Un piumone è soffice e isolante, disegnato su delle lenzuola e ti tiene caldo durante la notte. Pensa al soffice topper su un letto d’albergo: gonfio, leggero e accogliente. ‘

Questo post affronta una domanda a cui i lettori del blog potrebbero effettivamente voler conoscere la risposta, e lo fa con una voce che farà appello a loro.

Come utilizzare i post di blog per indirizzare il traffico nell’e-commerce

  • Punta al tuo pubblico. Spara per un mix di materiale informativo informativo e divertente e scopri quale fa meglio.
  • Abbina la voce del tuo blog al tuo marchio. Gonfio, leggero e accogliente è una combinazione perfetta per Au Lit; Caterpillar vorrebbe affrontare le cose diversamente, e anche tu.
  • Usa il tuo blog in sinergia con gli altri tuoi canali di marketing. Inserisci video e includi post in newsletter e altre e-mail.

Contenuti interattivi: arma segreta di marketing per contenuti di e-commerce

Lo shopping in negozio è intrinsecamente interattivo. Puoi raccogliere le cose, capovolgerle, tenerle alla luce, sfilarle in mano e provarle.

Niente di tutto ciò è possibile su un sito di e-commerce, quindi dobbiamo offrire la cosa migliore da fare.

I contenuti interattivi consentono ai siti di e-commerce di consentire ai consumatori di acquistare come desiderano, gestendo le proprie relazioni con i tuoi contenuti, il tuo marchio e i tuoi prodotti.

Un buon esempio è l’app Virtual Artist di Sephora.

marketing e-commerce

Sul telefono o sul browser desktop, ti consente di scattare un selfie, quindi simula le prove del prodotto e guarda come appariresti indossando il prodotto.

Sephora afferma di  aver provato 200 milioni di sfumature e oltre 8,5 milioni di visite alla funzione.

Questo tipo di contenuto è molto più costoso che assumere qualcuno per eliminare alcuni post del blog.

Ma è anche radicalmente più efficace.

Funziona meglio quando la tecnologia e il processo sono al centro del modo in cui l’azienda si commercializza, meno bene quando si tratta di un componente aggiuntivo periferico.

I contenuti interattivi non devono essere così complessi e approfonditi come l’app di Sephora.

Può essere semplicemente un video interattivo.

I video interattivi possono aumentare i tempi di visualizzazione del 47% E quando questi video interattivi sono acquistabili, rappresentano un modo per ridurre l’attrito nel processo di conversione e offrire ai consumatori ciò che desiderano.

Come farlo

  • Identifica il problema che il tuo pubblico desidera maggiormente risolvere. Sephora consente agli utenti di provare il trucco prima di acquistare online. Cosa frustra i tuoi utenti e impedisce loro di acquistare?
  • Crea contenuti che consentano al tuo pubblico di risolvere i propri problemi, in un modo che possano apprezzare. L’obiettivo potrebbe essere quello di imitare l’esperienza di “navigazione” dello shopping in negozio, ma a seconda del pubblico, non deve essere così.
  • Rendi i tuoi contenuti acquistabili! Non forzare gli utenti a uscire dal contenuto che preferiscono e arrancare attraverso il processo di pagamento standard. Lascia che acquistino direttamente dal video, dal lookbook o dall’app.

Fatto correttamente, il marketing dei contenuti può essere la chiave sia per il traffico che per le vendite.

I siti di e-commerce che hanno un gioco con contenuti stretti ottengono più traffico e anche più conversioni. Un ottimo modo per migliorare il tuo content marketing è assumere un’agenzia di content marketing dedicata per aiutarti.

3.Marketing con il prodotto: consegna e unboxing

Anche il modo in cui i tuoi clienti interagiscono con il tuo prodotto può essere marketing.

automazione del marketing e-commerce

In realtà, è un eufemismo.

È vero tra le aziende in generale; per i negozi di e-commerce, le cose sono ancora più drasticamente distorte.

I clienti abituali sono solo l’8% della base clienti media di un negozio di eCommerce, ma rappresentano il 40% delle entrate.

piattaforma di marketing e-commerce

Chiaramente, incoraggiare tali clienti è di vitale importanza.

Incoraggiare acquisti ripetuti e rinvii rendendo il tuo prodotto super attraente da ricevere e aprire ha un ROI enorme.

Ciò può significare un approccio diverso e più esperienziale al confezionamento e alla consegna, come ricreare l’esperienza di unboxing del prodotto o aggiungere la spedizione in giornata .

Unboxing: potente marketing per l’acquirente

I video di unboxing sono un fenomeno. Quando ho cercato su Google “video unboxing” (da un server americano) ho ottenuto 131 milioni di risultati:

automazione del marketing e-commerce

Youtube ha canali interamente dedicati all’unboxing – Influencer Marketing Hub ha arrotondato i primi 15  – e due dei 10 canali YouTube più visti negli Stati Uniti nel 2018 erano canali di unboxing; tra loro, hanno collezionato oltre 38 miliardi di visualizzazioni dal lancio.

Perché qualcuno si preoccupa abbastanza di guardare un video di qualcun altro che sta scartando qualcosa che ha comprato?

Perché alcuni dei marchi di maggior successo al mondo comprendono che l’Unboxing è esperienziale: un luogo per aggiungere valore, non qualcosa da superare il più rapidamente possibile.

(Non sono sicuro di quella pizza però.)

Quando le persone guardano i video di unboxing, fanno acquisti: esplorano come sarà ricevere un articolo che stanno pensando di acquistare.

Non sempre, certo – ma il 62% delle visualizzazioni di video unboxing proviene da persone con intenzione di acquisto .

Un modo per ottenere il tuo prodotto su un video unboxing è pagare un influencer per presentarti.

Ma un altro è semplicemente quello di concentrarsi sull’esperienza di unboxing e progettare il tuo packaging per supportarlo.

Ricorda che l’obiettivo non è solo quello di apparire nei video: è un bel bonus.

Piuttosto, è per aumentare l’eccitazione che genera l’acquisto nei tuoi clienti in modo che tornino da te e facciano riferimento ai loro amici.

Uno dei marchi che fa questo meglio è Birchbox: se sei un marketer di e-commerce, ti consiglio di iscriverti alla loro lista e-mail e controllare alcuni dei loro video di unboxing per vedere quanto sia efficace questa tattica.

Birchbox include un 10% di coupon, presentato come ricompensa …

marketing e-commerce

… e un “menu” che mostra cosa c’è nella scatola.

marketing e-commerce

Ma c’è un altro aspetto di ciò che viene fatto qui.

Queste scatole stanno facendo il branding, non solo il “10% di sconto” sul marketing. L’offerta è legata alla natura sociale dello shopping per i prodotti per la cura della persona.

Ci sono milioni di modi per farlo. Nessuno può dirti esattamente perché nessuno conosce il tuo marchio (o il marchio del tuo cliente) come te.

Marketing fuori dagli schemi: come vincere il gioco di unboxing

Non è solo unboxing.

È ciò che c’è nella scatola e la scatola stessa. Guarda come i marchi di marketing e-commerce più efficaci portano il marchio e il marketing sull’imballaggio di consegna. Dollar Shave Club fa in un modo:

piattaforma di marketing e-commerce

Nel lontano 2012, la UX di Facebook e lo stratega dei contenuti Jonathan Coleman hanno fatto eco al marchio del Dollar Shave Club, definendo la loro esperienza di unboxing ‘fottutissima’ e spiegando :

‘Questo è esattamente quello che volevo vedere dal Dollar Shave Club. La microcopia stampata che fa proprio sul marchio, mi fa ridere e si allinea perfettamente all’esperienza video originale “.

Imprecazioni e scherzi, colori vivaci e una visione ironica e ironica dell’età d’oro dei prodotti per la cura degli uomini si abbinano perfettamente al loro marchio e al loro pubblico.

Potrebbe non adattarsi così bene al tuo.

Man Crate fa così:

Storytelling e branding si rafforzano a vicenda, con unboxing posizionato al centro della scena – in un video della durata di soli 30 secondi.

Apple ha un approccio diverso:

spacchettamento

Non c’è niente su questa semplice scatola bianca … niente che non grida Apple.

Un marchio affermato con un’immagine particolare – elegante, ipermoderno, discreto – può farcela.

Ancora una volta, potrebbe non essere adatto al tuo marchio.

Come massimizzare il unboxing per il marketing e-commerce

  • Ricorda che è il marchio! Comunica innanzitutto l’identità del tuo marchio ai tuoi acquirenti.
  • Incoraggia il rinvio e ripeti l’acquisto con cataloghi e lookbook, coupon e buoni.
  • Incoraggia i tuoi acquirenti a realizzare i propri video di unboxing, una potente forma di marketing che può farti agire senza che tu debba fare il lavoro.
clicca qui banner

4.Come utilizzare l’email marketing per guidare le vendite di e-commerce nel 2019

L’email marketing è l’arma segreta nei toolkit dei marketer di e-commerce.

Naturalmente, altre aziende possono sfruttare l’email marketing e, dato che hanno un ROI più elevato rispetto alla ricerca, ai social o ai contenuti , lo fanno.

Ma i negozi di e-commerce hanno una posizione unica per giocare perché hanno così tante opportunità di entrare in contatto con i loro clienti.

Puoi inviare un’e-mail ai clienti ogni volta che visitano il tuo negozio e, di tanto in tanto, in caso contrario; ogni volta che ottieni un nuovo prodotto e ogni volta che un prodotto viene sospeso; ogni volta che c’è una vendita e quando le vendite finiscono.

Ci sono un milione di esempi in più, ma penso che il punto sia chiaro: si tratta di e-mail che almeno alcuni clienti vogliono effettivamente ricevere, e fatte bene possono aumentare le conversioni non del 20% o del 50% ma del 200% o del 500%.

L’email marketing per l’e-commerce è più efficace quando utilizza flussi mirati.

Nessun cliente che si è registrato dovrebbe mai essere completamente fuori dal radar, ma dovrebbe essere sul flusso giusto.

Quando discuteremo di seguito delle tattiche di email marketing per l’e-commerce, stiamo parlando dei flussi di email; strutture multi-mail, costruite in anticipo, automatizzate e che consentono ai clienti di inserirsi in nuovi flussi in base al proprio comportamento.

Ecco alcuni dei flussi di email marketing più efficaci:

Flussi di posta elettronica di nuovi clienti

Quando un nuovo cliente acquista qualcosa, dovrebbe essere immediatamente accolto con un nuovo flusso di posta elettronica del cliente.

Un flusso di più e-mail è più efficace di una singola e-mail, offrendo molteplici opportunità di coinvolgimento.

I nuovi clienti possono essere accolti in vari modi.

Le startup tecnologiche accolgono spesso le nuove iscrizioni con un’e-mail dall’indirizzo personale di qualcuno dell’azienda; questo può funzionare per i negozi di e-commerce, ma anche le e-mail più impersonali che guidano i clienti attraverso l’utilizzo del negozio e dei prodotti in vetrina.

Questi possono essere combinati con incentivi all’acquisto – guarda come Forever 21 lo fa:

marketing e-commerce

È tutto lì: urgenza, incentivo, stile sul marchio e spedizione gratuita per ordini superiori a £ 50 per l’avvio.

Il resto dell’email mostra i prodotti di Forever 21 in un’unica schermata:

marketing e-commerce

Semplice ed efficace, questa singola e-mail di benvenuto avrebbe potuto essere più forte se fosse stata incorporata in un flusso multi-e-mail che sfruttava il tasso di apertura e il posizionamento nella casella di posta in arrivo molto elevati delle e-mail di benvenuto per creare una relazione con il destinatario.

Come far funzionare i flussi di posta elettronica di nuovi clienti per te

Tempo di spina spudorato.

Puoi usare altri strumenti di posta elettronica. Ma ti spiegherò come utilizzare Moosend per impostare flussi di posta elettronica di benvenuto automatizzati per tutti i tuoi nuovi clienti. Non è una lunga passeggiata.

Inizia andando nel menu di automazione:

automazione del marketing

Vedrai una selezione di flussi di lavoro automatizzati predefiniti che devono solo essere compilati con i tuoi contenuti.

automazione del marketing e-commerce

L’onboarding e le e-mail dei nuovi clienti si trovano nella parte inferiore della prima schermata. Le e-mail di benvenuto sono in fondo se scorri verso il basso.

Quale di questi scegli di usare dipende da te; Il nuovo cliente è impostato come una singola e-mail, mentre Welcome è progettato per iscrizioni o offerte più complesse in cui potrebbero essere necessarie più e-mail. Tuttavia, possono essere utilizzati per segmentare i nuovi clienti in base alle loro risposte all’email iniziale.

Le email dei nuovi clienti funzionano così:

automazione del marketing e-commerce

L’impostazione predefinita è rispondere quando qualcuno effettua il suo primo acquisto, qualunque sia il prodotto, e dopo un breve ritardo, invia un’email di saluto al nuovo cliente.

Puoi collegarti alle e-mail che hai già creato, consentendo a Moosend di inviarle, nonché scegliere da quale indirizzo e-mail verranno inviati e inserendo l’oggetto:

  • Le righe dell’oggetto devono essere abbastanza brevi da essere visualizzate completamente sui dispositivi mobili e supportare lo scopo dell’e-mail.
  • Cosa stai cercando di aiutare il destinatario a fare dopo? Se hanno effettuato un acquisto, cosa vuoi che facciano adesso? Se si sono registrati, ma non hanno effettuato un acquisto, quale dovrebbe essere il loro prossimo passo? Le e-mail di benvenuto funzionano meglio quando fanno parte di una struttura e-mail che guida il destinatario attraverso il labirinto del tuo negozio per ripetere l’acquisto.
  • Non dimenticare che i contenuti possono iniziare nella prima e-mail: questo è un ottimo posto per includere quel video dimostrativo!

Navigazione dei flussi di follow-up

Se hai l’indirizzo e-mail di qualcuno e questi visitano il negozio e navigano, ma non effettuano l’acquisto, è possibile che fossero solo vetrine.

O forse hanno trovato un affare migliore da qualche altra parte.

Ma potrebbe anche essere che hanno cambiato dispositivo, o il loro Uber è arrivato al lavoro, o qualsiasi altra cosa su un milione di cose che potrebbero impedirti di decidere di acquistare una sciarpa, un paio di cuffie o un set di cacciaviti da 16 pezzi.

Queste persone hanno bisogno di e-mail di follow-up che ricordino loro il prodotto che stavano guardando, offrono prodotti simili e, se del caso, offrono loro uno sconto sull’acquisto.

Scopri come lo fa Forever 21:

automazione del marketing e-commerce

Come vincere con la navigazione delle e-mail di follow-up

Moosend ti consente di creare e-mail di reimpegno che filtrano i tuoi contatti.

Il flusso è simile al seguente:

automazione del marketing e-commerce

Quando qualcuno nella tua lista e-mail sfoglia una pagina ma non effettua un acquisto, puoi impostare questo flusso e-mail in modo che attenda un intervallo di tempo specifico, quindi e-mail quella persona.

Ancora meglio, puoi filtrare i contatti, scegliendo solo quelli che hanno effettuato un acquisto; quindi puoi impostare un flusso separato per coloro che non li hanno raggiunti con messaggi diversi e mirati.

Email di carrello abbandonate

I carrelli abbandonati costano e-commerce $ 75 trilioni in tutto il mondo ogni anno .

Sono il più grande buco nelle canalizzazioni della maggior parte dei siti di e-commerce.

E l’abbandono del carrello è in realtà in aumento di anno in anno:

abbandono del carrello della piattaforma di marketing e-commerce

Le e-mail del carrello abbandonate possono aiutare a risolvere questo problema?

Sì. In realtà, sono uno degli strumenti più efficaci per rimediare ai carrelli abbandonati.

Fatto correttamente, un flusso di e-mail di abbandono del carrello può recuperare fino al 60% delle entrate perse rappresentate dai carrelli abbandonati.

In molti casi, i carrelli vengono abbandonati dagli acquirenti che intendono restituire e terminare l’acquisto ma dimenticano.

Abbiamo scoperto  che il 45% delle e-mail di abbandono del carrello sono aperte, il 21% riceve click-through e oltre il 10% ha portato a un acquisto.

Come far funzionare le email del carrello abbandonate per il tuo negozio di e-commerce

Puoi inviare e-mail di carrello abbandonate da flussi Moosend già pronti in questo modo:

automazione del marketing e-commerce
  • Mandali più tardi! Lascia un divario in modo che le persone possano arrivare a destinazione e tornare online su un altro dispositivo. L’impostazione predefinita di Moosend è di 45 minuti, sperimentala come variabile.
  • Invia un’immagine e un promemoria dell’articolo che stavano acquistando e rendi più semplice possibile tornare allo shopping. Ho visto email di carrello abbandonate con link che ti portavano alla homepage. Quei carrelli rimasero abbandonati.
  • Utilizzare una copia appropriata per il marchio. A volte ciò significa due righe o solo una manciata di parole. Ma se il tono di voce del tuo marchio è personale e informale, assicurati che si trasferisca alle e-mail del carrello abbandonate. Stiamo cercando “sembra che tu abbia lasciato accidentalmente qualcosa dietro al negozio”, non “non hai fallito nell’acquisto. Per favore, rettifica. “

Offerte mirate

Una volta che sai qualcosa sui tuoi clienti, puoi fare offerte di posta elettronica mirate ai loro interessi.

All’inizio dell’email marketing automatizzato, c’erano alcuni errori catastrofici in cui le offerte erano totalmente non mirate – Bob, abbiamo notato che sei interessato alla cucina vegana, quindi che ne pensi del 15% di sconto su queste bistecche di pesce spada? – o troppo  mirato.

Come quella volta, l’algoritmo di Target ha portato accidentalmente un’adolescente incinta  a suo padre inconsapevole.

Ma una volta completate queste e-mail, queste e-mail possono indirizzare con precisione gli interessi dei clienti con prodotti che probabilmente vorranno visualizzare, se non acquistare, e contribuire a incrementare notevolmente il ROI.

Utilizza il flusso di aree di interesse specifiche readymade di Moosend per raggiungere le persone il cui comportamento in loco ha dimostrato di essere interessato a nicchie, prodotti o categorie specifici, offrendo loro coupon o sconti che sai faranno appello a loro.

automazione del marketing e-commerce

Fai valere le tue offerte mirate

  • Aspettare! Non saltare giù dalla gola del tuo pubblico urlando “10% di sconto!” I consumatori fanno acquisti nel tempo libero o quando dovrebbero funzionare, quindi il pomeriggio e la sera sono probabilmente il momento migliore.
  • Abbina da vicino l’offerta. Le nostre scelte non sono casuali: una donna che compra scarpe probabilmente ha in mente un vestito. Un uomo che fa shopping camicie probabilmente ha già l’abito. Se hanno comprato la pesca, non dare loro offerte sul verde lime. Lo stesso vale per gli strumenti o altro.
  • Includi materiale secondario più in basso nell’email che offre “prodotti come” e “accompagna” per catturare l’attenzione degli acquirenti meno focalizzati.
clicca qui banner

5.Sito sul sito: fai in modo che il tuo sito di e-commerce funzioni per te

  • 600w
  • Modulo di progettazione come ostacolo alla registrazione
  • Flusso attraverso il checkout e altre fasi vitali
  • Best practice per le pagine di vendita e di prodotto
  • Come va tutto questo marketing? Colpisce la SEO, influenza il comportamento del cliente

Uno dei modi più vitali che puoi commercializzare è sul sito stesso.

Il flusso attraverso le parti del sito che producono il maggior numero di conversioni riguarda il marketing, proprio come lo sono gli annunci a pagamento, i contenuti o l’email marketing.

Se devi convincere qualcuno a visitare il sito, iscriverti, tornare, guardare una pagina del prodotto e iniziare l’acquisto, ma non hanno completato l’acquisto, non hai fatto soldi.

Finora, così ovvio – anche se in un mondo in cui gli esperti di marketing tendono a rimanere bloccati su metriche a noi familiari e dimenticano di guardare alla linea di fondo, penso che debba ripetere.

Ma man mano che gli algoritmi di classificazione della ricerca diventano più sofisticati, anche il comportamento in loco si ripercuote sulla ricerca.

Pensa alla velocità del sito.

C’è un motivo per cui Google incoraggia i tempi di caricamento rapidi: perché ai clienti piacciono i tempi di caricamento rapidi. Nel 2018, la velocità del sito mobile è diventata un fattore di classifica ; all’inizio di quest’anno, il Search Engine Journal  lo ha definito  “il prossimo grande fattore di ranking su cui concentrarsi”.

È uno dei problemi di esperienza utente più semplici su cui inserire un numero, ma Google controlla la UX nel suo insieme attraverso indicatori proxy come il tempo di permanenza.

Cosa puoi fare per ottimizzare il tuo sito in modo da ottenere più conversioni e  Google ti guarda con un occhio più amichevole?

Inizia con i tuoi moduli.

Se lo costruisci (a destra), lo completeranno: design del modulo e marketing e-commerce

Troppi siti Web di e-commerce hanno forme progettate su desktop e apparentemente dall’IRS e dalle autorità doganali, che lavorano insieme per spazzare via la giornata.

Ecco Joel Klettle of Business Casual Copywriting:

Screen Shot 2019 02 21 al 14.51.11

Quanto di tutto questo hai davvero bisogno di sapere sui tuoi clienti?

Screen Shot 2019 02 21 alle 14.52.41

Predicare, Joel.

Quindi c’è un dispositivo da considerare. In realtà, la maggior parte dei clienti di e-commerce è al telefono.

A riprova di quanto siano ben serviti, l’abbandono del carrello è di ben dodici punti percentuali in più sui telefoni  che sul desktop.

Le cose sembrano molto diverse su un piccolo schermo e funzionano anche in modo diverso.

La digitazione richiede molto più tempo su un telefono, quindi dovremmo mirare a ridurre la digitazione.

I campi che il browser del cliente può compilare automaticamente, come il nome e l’e-mail, sono meno di un impedimento e in realtà abbiamo bisogno di tali informazioni.

I campi, dove devono essere digitati, dovrebbero essere eliminati se possibile.

Ecco il modulo di Schuh (su cellulare):

piattaforma di marketing e-commerce

Scegli ‘paga con carta’ e ottieni questo:SEO 3

marketing e-commerce

È una schermata singola, chiede solo le informazioni di cui Schuh ha effettivamente bisogno per elaborare l’ordine e, se lo desideri, ti consente anche di saltare la data di nascita.

Inoltre, è chiaro e semplice su uno schermo mobile. Pertanto, è assolutamente importante pensare a due passi avanti quando si considera lo sviluppo del tuo eCommerce mobile .

Inoltre, è importante dire ai clienti quante spese postali pagheranno al più presto.

Alla gente non piacciono le domande senza risposta, ci rende ansiosi.

Se sto bene spendendo $ 10,99 ma non starei bene spendendo $ 14,99, sono in uno stato di ansia per tutto il lungo flusso di check-out, pensando: ‘quanto sarà l’affrancatura?

Starò bene se costa $ 2,99, ma non voglio pagare $ 3,99 “.

Quanto è significativo questo effetto? È la causa numero uno dell’abbandono del carrello, a sua volta il foro numero uno nelle canalizzazioni di e-commerce.

Bonus: 12 campagne di automazione del marketing predefinite

marketing e-commerce

Quali sono le lezioni qui?

  • Dì ai tuoi clienti esattamente quanti soldi stai chiedendo loro, il più presto possibile.
  • Lasciateli controllare facilmente come ospiti.
  • Rendi il tuo checkout semplice e chiaro su dispositivo mobile.

Ordina questi fattori e vedrai più conversioni e anche probabili vantaggi SEO.

Iscrizioni e-mail sul sito

Far entrare le persone nella tua lista e-mail è un buon secondo per farle comprare qualcosa.

Per prima cosa, aumenta enormemente le possibilità che un giorno faranno il salto e diventeranno clienti.

Ciò significa che un processo di iscrizione è efficace senza essere invadente.

Quante volte sei stato su un sito web, solo per far sì che il pop-up a scorrimento ostruisse ciò che stai guardando con una richiesta per … beh, chi lo sa, spesso le persone non li leggono.

marketing e-commerce

Quando si inserisce una registrazione tra ciò che le persone vogliono e loro, tendono a rispondere con una sorta di conformità passivo-aggressiva.

Spesso ti daranno il loro indirizzo email di spam.

Eh?

Si scopre che molte persone mantengono un indirizzo e-mail di cattura dello spam solo per le iscrizioni. Quanti?

marketing e-commerce

Quel numero sembra aumentare continuamente. Ho anche un indirizzo e-mail di cattura dello spam!

L’effetto sulla qualità della tua iscrizione e-mail è catastrofico.

marketing e-commerce

Questo è il 9% delle iscrizioni che vanno a un indirizzo e-mail che non è mai stato nemmeno verificato.

Forza le persone ad iscriversi e questo è ciò che ottieni: quasi uno su dieci delle iscrizioni sono totalmente prive di valore per te; altri due terzi ti stanno dando malvolentieri il loro indirizzo di seconda stringa, ma non leggeranno mai le tue cose, figuriamoci comprare qualcosa da te.

I tre quarti delle iscrizioni ottenute in questo modo non fanno bene alla tua attività.

Allo stesso tempo, mentre non vuoi un effetto jambalaya, un pazzo magazzino di Bob che cerca di indurre le persone a iscriversi, non vuoi anche renderlo meno  probabile.

L’iscrizione che vogliamo è volenterosa, interessata e ha il vero indirizzo e-mail di quella persona in modo da non farci saltare grandi buche nel nostro punteggio di consegnabilità, sopravvalutare la nostra vera percentuale di iscrizione e avere un quadro sempre più confuso di quanto sia efficace il nostro processo di iscrizione.

Oh, e così possiamo vendere anche quella roba.

Come lo facciamo?

Ricevi iscrizioni reali sul tuo sito di e-commerce

  • Richiesta di iscrizione di base sull’attività dell’utente. Se hanno fatto clic su almeno una cosa o hanno fatto scorrere verso il basso un contenuto, quello è il momento: non raggruppare le richieste di iscrizione con il consenso sui cookie, il GDPR e altri legali.

Prodotti

I siti Web di e-commerce tendono ad essere enormi, con molti prodotti. È raro trovare un sito Web con migliaia di pagine al di fuori dell’e-commerce; nel settore, è normale.

Ogni nuovo prodotto ha una sua pagina. Ogni vecchio prodotto lo fa spesso.

Il risultato sono siti enormi che possono facilmente sfuggire di mano e un vasto numero di pagine che devono essere create, spesso velocemente.

Le pagine dei prodotti sono il cuore di un sito Web di e-commerce.

Se vendi magliette, è sulla pagina del prodotto per una maglietta specifica che le vendite vengono effettivamente realizzate; nessuno compie un ordine per ricevere una maglietta a caso.

Sono pagine di prodotti specifici che fanno effettivamente soldi per la tua azienda.

Tuttavia, hanno spesso difetti evitabili che impediscono loro di essere qualcosa di così efficace come potrebbero essere.

I siti di e-commerce potrebbero spesso trarre vantaggio dal passare un po ‘di tempo con Screaming Frog, di sicuro.

Tag mancanti o duplicati e immagini non ottimizzate vengono visualizzati anche su siti di grandi dimensioni, soprattutto se design e SEO non parlano molto.

Ma gli aspetti più importanti di una pagina di prodotto di e-commerce che effettivamente vende sono la copia, la descrizione e le immagini.

Le pagine dei prodotti devono essere coerenti con il marchio.

Dovrebbero superare il test “utente ubriaco” e “strabismo” a pieni voti: ogni pagina del prodotto dovrebbe urlare l’identità del tuo marchio dallo schermo.

Dovrebbero incoraggiare la fiducia e la fiducia; le persone dovrebbero sentirsi fidate del tuo marchio e del tuo prodotto.

Devi occuparti preventivamente dell’obiezione per gestire le preoccupazioni relative a consegna, vestibilità, prezzi e qualità in modo da non farlo in un negozio di mattoni dove le persone possono pesare il prodotto in mano, sentire il tessuto, tenerlo fino a la luce.

I video e la fotografia multi-angolo sono gli standard di riferimento per le immagini dei prodotti di e-commerce, ma non è necessario eseguirli per avere una pagina di prodotto funzionante che converta effettivamente.

Ciò di cui hai bisogno sono diverse immagini di alta qualità, una copia che risolva i dubbi della tua persona e le descrizioni dei prodotti che non provengono dal produttore.

Copia della pagina del prodotto e-commerce che vende

La copia della pagina del prodotto deve rispondere alle preoccupazioni del pubblico di destinazione.

Deve parlare la loro lingua, quindi eviti di parlare con 40enni come se fossero adolescenti e viceversa.

E deve essere chiaro.

La scelta tra chiara e intelligente non è una scelta: i consumatori leggono a metà questo su uno schermo mobile tra i messaggi.

Non vogliono essere intelligenti, vogliono solo sapere cos’è e cosa fa.

Ecco come la gestisce la società di abbigliamento outdoor e di viaggio Rohan:

marketing e-commerce

Quella singola riga di copia ti dice cosa fa e a cosa serve.

Potrebbe essere tutto quello che senti di aver bisogno di sapere.

Ma se vuoi il grintoso – quanto pesa? Le cuciture sono nastrate? – c’è di più ed è facile da trovare.

Mettere in risalto le descrizioni dei tuoi prodotti

Fai clic su “leggi di più” e ottieni questo:

marketing e-commerce

Questa è una copia indirizzata a persone che cercano qualcosa da “roba in uno zaino”, ma che vogliono anche conoscere dettagli come “picco incollato” e sono contenti di termini come “apertura frontale” per la parte anteriore di un cappuccio. Se questa non è la tua persona, non farlo in questo modo, ma prendi da Rohan la loro chiarezza e la loro descrizione del prodotto su misura.

Descrizioni dei prodotti come questa:

piattaforma di marketing e-commerce

Sono più un “come non farlo”.

Ingrandiamo la descrizione:

marketing e-commerce

Prima di tutto, ti sfido a leggerlo. È estremamente noioso. Include anche informazioni tecniche casuali – “se si desidera connettersi con gas NG, rimuovere il kit gas GPL”, è così bello sapere che questa stufa viene fornita con una zuppa di alfabeto gratuita – e fatti stranamente specifici, come “tappo del bruciatore: ferro”.

Non è che i potenziali clienti non debbano saperlo. È che è presentato in modo desultorio, incurante e molto noioso.

Prendi le descrizioni dei prodotti del produttore e scrivile di nuovo, come se stessi parlando al tuo cliente ideale attraverso il prodotto.

Come creare immagini di pagine di prodotti e-commerce che generano vendite

Le immagini non devono essere eccitanti. È come una copia: le persone vogliono ottenere le informazioni che vogliono, non sono interessate agli effetti fantasiosi.

Guarda come UK Tool Centre Ltd vende questo set multiutensile DeWalt:

marketing e-commerce

Molto di questo è giusto: bel pulsante chiaro, risparmi sottolineati, descrizione chiara. Ma siamo interessati alle immagini. Le miniature nella parte inferiore sono abbastanza chiare da poter vedere quali strumenti sono quali.

C’è un cursore, uno scatto di ogni strumento e primi piani di batterie e periferiche:

C’è anche un video. Parliamo un po ‘di questo.

Video sulle pagine dei prodotti

Piuttosto che parlare di come realizzare un buon video, voglio parlare brevemente di come sito e utilizzare un video di prodotto.

In effetti DeWalt ha più o meno ragione.

(Giuro che non sono su commissione.)

È posizionato in modo prominente, in posizione privilegiata sul dispositivo di scorrimento, ma in realtà non ho bisogno del video per ottenere valore dalla pagina.

Questo è abbastanza importante per DeWalt, perché il loro cliente target sta navigando su un dispositivo mobile rinforzato con i piedi sul cruscotto di un furgone Transit, in un cantiere con WiFi scadente.

Se l’utente deve visualizzare il video per capire qual è il prodotto, DeWalt sta per perdere.

Questo è meno preoccupante se il tuo target di riferimento sono professionisti IT in Finlandia, dove hanno la banda larga Gigabit. Come sempre, riguarda il tuo pubblico.

L’altro no-no è la riproduzione automatica.

Questa sembra un’ottima idea per alcune persone – penso che siano le stesse persone che vogliono sempre mettere un mucchio di cursori su una homepage.

E il video a riproduzione automatica ha lo stesso effetto perché viola lo stesso principio di progettazione dell’esperienza utente: l’utente deve avere il controllo .

Rendi il tuo video chiaro, breve e facile da trovare, ma non far guardare gli utenti.

clicca qui banner

Conclusione

L’e-commerce è una torta più grande che mai.

Crescere la tua fetta presenta nuove sfide, ma possono essere superate.

Nel corso di questo post, abbiamo parlato di come lavorare aspetti specifici del marketing e-commerce per ottenere un effetto migliore nel 2019.

Abbiamo menzionato il tentativo di ottenere registrazioni di e-mail reali, ad esempio; ha parlato di come evitare la riproduzione automatica di video come la peste è; inviare e-mail mirate alle preferenze del pubblico; o progettando la tua esperienza di unboxing per deliziare i tuoi clienti.

Ma c’è una tendenza: dobbiamo conoscere il cliente abbastanza bene da metterlo al posto di guida. Più lo fai, più il tuo negozio di e-commerce prospererà – nel 2019 e oltre.

Il melafonino non andrà al altare con 5G manca abito nunziale router babble

Buongiorno amici,

gli utenti Mario e Davide ci hanno domandato un parere sul melafonino. Quindi inizio con una semplice domanda: Conviene comprare uno smartphone Apple iPhone?

Attualmente il mercato dei smartphone è diviso a metà, da una parte ci sono quelli che preferiscono i device con sistema operativo Android perché è più completo e versatile, dall’altra quelli che adorano qualsiasi prodotto sfornato della Apple e in questo caso gli iPhone.

La presentazione melafonino iPhone X, ha praticamente segnato una linea tra gli iPhone “vecchi” fino al 8 Plus e quelli “nuovi” dal X in poi, in quanto rappresentano il presente e il futuro di Apple. Però questa linea ha di fatto diviso i seguaci del sistema operativo iOS. C’è chi dice che i vecchi iPhone erano molto meglio e chi dice che i nuovi rasentano la perfezione.

Sul web, su ogni recensione incentrata su qualsiasi modello Apple iPhone troviamo solo pregi e pochissimi difetti, come se fosse il messia dei smartphone. Per questo vogliamo esporre le nostre opinioni sulle mancanze che troviamo sui telefonini iPhone dal X in poi.

Eccovi 10 motivi per non comprare un Apple iPhone X e successivi:

  1. Non supportano la rete 5G. Tutti i prodotti iPhone sono compatibili solo con la rete 4G, il che rappresenta una mancanza non da poco, considerando che i competitor Samsung e Huawei, tanto per fare due nomi, oltre al fatto che sono in “clima” 5G, sono anche dentro, in ottica futura, con la predisposizione alla rete 6G.
  2. Il riconoscimento facciale Face ID non è ancora ben sviluppato, bisogna che il viso sia bene allineato ai sensori del dispositivo. Spesso bisogna provare e riprovare per poter sbloccare, il che rappresenta una perdita di tempo.
  3. Non hanno il tasto home, che permetteva all’utente una migliore interazione, si poteva sbloccare con l’impronta del dito, selezionare/cancellare le app con un doppio click e chiamare Siri con un click prolungato. Senza tasto Home si è come persi, è meno originale e più androidiano.
  4. Il display è tutto touch, bordi compresi, non hanno una cornice di protezione sia per le cadute che per i click accidentali. Può capitare che, tenendolo con lo schermo acceso in mano, si attivi involontariamente una app, questo perché i bordi sono troppo sensibili al tatto.
  5. Non ha senso mettere in vendita il modello X e pochi mesi dopo il modello 11, la cui differenza è solo nella tripla fotocamera, mentre la differenza di prezzo tra i due raggiunge i 300/400 euro.
  6. Le applicazioni che funzionavano nei modelli precedenti, possono anche non funzionare in quelli nuovi.
  7. Quando si mette melafonino sotto carica, tende a scaldarsi veramente troppo.
  8. Quando riceve le chiamate, bisogna aspettare qualche secondo per poter vedere le icone di risposta e chiusura chiamata. Sostanzialmente è un bug presente nel modello iPhone X.
  9. La batteria dura molto meno, se si è fortunati si riesce ad arrivare a sera senza caricare, mentre i modelli iPhone 7, 8, 7 Plus e 8 Plus, durano molto di più.
  10. Il prezzo per un modello iPhone nuovo sono eccessivi per le funzionalità che offre. Molto meglio optare per un iPhone 8 Plus, che costa molto meno e ha più o meno le stesse opzioni del iPhone X.

Se volete proprio comprare un iPhone, piuttosto che spendere più di 1.000 euro vi consiglio di guardare i ricondizionati o meglio i refurbished. Sono nuovi. Il mio vicino di casa, che usa solo prodotti Apple,  ne ha preso uno ricondizionato dove ha speso poco più della metà di uno nuovo, gli ho anche settato le cuffie che gli avevo procurato (non sono AirPods e costano molto meno) ed è contento come una Pasqua.

Noi trattiamo gophone mantenendo il design della melaphone, con la possibilità di scegliere tra 2 sistemi operativi, iOS e Android. Provate ad immaginate cosa sarebbe Apple con un sistema snello basato su cloud. Vuoi più info e caratteristiche del gophonino? clicca l’immagine sotto e scrivici su messenger, se avete altre esigenze scriveteci un commento qui, non tralasciate di farmi sapere come la pensate, accettiamo anche commenti negativi purche siano costruttivi.

Entra nel magico mondo dei refurbished

Bene amici, commentate qui le vostre opinioni. Fatemi sapere cosa ne pensate.


FraudLabs Pro Prevents Fraud for Digital Businesses

Smartphone di nuova generazione Nokia 7.2, Sony Xperia 10, Xiaomi Mi 10

Buongiorno amici, siamo nel 2020 ed è tempo per scoprire gli smartphone di nuova generazione. La tecnologia dei cellulari tende sempre a diventare sempre più performante di anno in anno. Dobbiamo conoscerli per capire se sono adatti al proprio uso.

Prima di andare avanti, cerchiamo di farci una domanda: Abbiamo veramente bisogno di uno smartphone? Io dico ASSOLUTAMENTE SI! Alcuni di voi diranno, “Basterebbe solo telefonare e mandare messaggi”, Ovviamente questo vale per chi ha esigenze limitate, come gli anziani che hanno poca dimestichezza con i device di ultima generazione.

Se sei entrato qui solo per trovare uno smartphone semplice da usare e soprattutto economico, allora entra qui.

Immagine che contiene elettronicoDescrizione generata automaticamente

Gli smartphone di nuova generazione sono veramente tanti.

Dal più economico al meno caro, dal più performante al semplice, dal più modaiolo al meno conosciuto, grande, piccolo etc.

Ma allora cosa scelgo?

Tra mille smartphone ho scelto tre modelli:

  • Nokia 7.2
  • Sony Xperia 10
  • Xiaomi MI Note 10

Starai dicendo:

Nokia? Io conosco solo il mitico 3310.

Sony? Ancora con questo Xperia.

Xiaomi? Ma esiste davvero?

Iniziamo la presentazione

Partiamo con le caratteristiche di ognuno dei 3 device Android:

DISPLAY, DIMENSIONI e PESO

Nokia 7.2 – schermo da 6.3 pollici con risoluzione 2280×1080 pixel, le dimensioni sono 160mm di altezza, 75mm di larghezza e 8mm di spessore per un peso pari a 180gr.

Sony Xperia 10 – schermo 6.0 pollici con risoluzione 2520×1080 pixel, le dimensioni sono 156mm di altezza, 68mm di larghezza e 8mm di spessore per un peso pari a 162gr.

Xiaomi MI Note 10 – schermo 6.5 pollici con risoluzione 2340×1080 pixel HD, le dimensioni sono 157,8mm di altezza, 72,2mm di larghezza e 9,7mm di spessore per un peso pari a 208gr.

Con questa anteprima si capisce che si equivalgono come display e dimensioni, mentre per il peso vediamo che il MI Note 10 è un pò grassoccio. Quasi tutti i device in commercio hanno dimensioni simili, la parte che bisogna più mettere in considerazione è il peso. Più leggeri sono, meglio è.

FOTOCAMERA

Nokia 7.2 – tripla fotocamera posteriore, sensore principale da 48 megapixel, uno di profondità da 5 mpx e uno grandangolare da 8 mpx, che permettono di scattare foto ad alta qualità grazie alla risoluzione 8000×6000 pixel e di registrare video in 4K alla risoluzione 3840×2160 pixel. La fotocamera anteriore è di 20 mpx, che garantiscono ottima qualità nei selfie.

Sony Xperia 10 – doppia fotocamera posteriore, 13 + 5 megapixel, in grado di fare foto buone/discrete grazie alla risoluzione di 4163×3122 pixel. Mentre la registrazione video viene fatta in 4K con risoluzione 3840×2160 pixel. La fotocamera anteriore è nella media, cioè 8 mpx.

Xiaomi MI Note 10 – cinque fotocamere che contornano la parte posteriore. La principale ha ben 108 megapixel!, mentre le altre quattro hanno la funzione di stabilizzare le immagini e sono da 20-12-5-2mpx. La risoluzione di 12000×9000 pixel permette al device di fare foto di altissima qualità e anche di registrare video alla risoluzione di 3840×2160 pixel in 4K. La fotocamera anteriore è di 20 mpx, come per il Nokia 7.2.

Con questa parte si capisce che Xiaomi ha un pokerissimo d’assi. La fotocamera da 108 megapixel, praticamente asfalta la concorrenza, anche se Nokia cerca di fare la sua bella figura. Mentre Sony purtroppo dovrà soccombere. Quindi se volete fare i fotografi con il cellulare allora meglio pensare al MI Note 10.

Immagine che contiene screenshotDescrizione generata automaticamente

DATI TECNICI

Nokia 7.2 – il processore di questo smartphone Nokia 7.2 è un Snapdragon 660 Qualcomm SDM660 da 2.2GHz con RAM da 6GB e memoria interna da 128GB, include anche una microSD per espandere la memoria fino a 512GB. Tutto sommato buono.

Sony Xperia 10 – il processore dello Xperia è un Snapdragon 630 Qualcomm SDM630 da 2.2GHz con RAM da 3GB e ROM da 64GB. Dispone dello slot microSD fino a 512GB. Qui il smartphone Sony perde punti.

Xiaomi MI Note 10 – Il MI Note 10 ha processore dello Snapdragon 730G Qualcomm SDM730G da 2.2GHz con RAM da 6GB e ROM da 128GB, ma non ha lo slot per espandere la memoria, il che rappresenta una lacuna non da poco.

I dati tecnici dei tre smartphone portano la lancetta verso il Nokia 7.2, che in più ha appunto la memoria espandibile che manca al device Xiaomi. Per quanto riguarda Sony, diciamo che fa sentire molto la sua “prestanza”.

BATTERIA

Nokia 7.2 – la batteria è del tipo LiPo da 3500 mAh, che permette di usare il telefono per una giornata tranquilla.

Sony Xperia 10 – l’autonomia per questo smartphone non è decisamente tra i migliori con la sua batteria al litio da 2870 mAh, che difficilmente riesce a terminare la giornata, a meno che no lo si usi solo per telefonare.

Xiaomi MI Note 10 – qui si fa sul serio, grazie alla batteria da 5260 mAh al LiPo che garantisce l’uso oltre le 24 ore.

L’esame batteria, dice che Xiaomi MI Note 10 lo passa senza problemi, mentre gli altri due arrancano.

Questa comparazione ci ha permesso di far capire l’utenza d’uso. Sony Xperia 10 è più indicato per chi cerca uno smartphone semplice senza fronzoli. Il Nokia 7.2 è più per chi vuole un cellulare che abbia qualcosa di più senza complicarsi troppo la vita. Mentre lo Xiaomi MI Note 10 è più indicato per chi “lavora” nei social, da Facebook a Instagram, facendo belle foto contornate da hastag.

Grazie amici per averci seguito, se avete bisogno di uno smartphone più specifico non vi resta che entrare qui e scoprire le offerte.

Tutti pazzi per il refurbished

Buongiorno amici, abbiamo dedicato il Natale al refurbished per soddisfare le esigenze di tutti. Da noi puoi far avverare i tuoi sogni e desideri. Vieni a trovarci, richiedi il tuo desiderio e lo rendiamo come regalo di Natale.

Quest’anno, Jolly Gadget con Babbo Natale, abbiamo confezionato con i cari Elfi, tanti prodotti refurbished. C’è di tutto, Consolle giochi, Smartphone, Notebook, Smartwatch, Pc fissi,

Sapete cosa è il refurbished?

In parole povere significa che sono prodotti con scatola originale danneggiata o usato come esposizione nelle fiere, vengono poi ritirati e rivisti da zero, cambiato hardware con test finale, successivamente re-imballati senza marchio e infine venduti.

Attenzione a non confondere l’usato con il refurbished, quest’ultima tipologia permette di avere a disposizione un prodotto praticamente nuovo e con garanzia 12 mesi.

Punto importante per gli ecologisti: i prodotti refurbished danno un aiuto molto importante per l’Ambiente circostante. Significa che se un prodotto non viene venduto, invece di buttarli via con conseguente impatto negativo per la natura e il clima, vengono ripresi e sistemati. In questo modo diamo un contributo, non indifferente, per l’ambiente. Così aiutiamo il nostro pianeta Terra.

Invece di spendere troppi soldi da aziende specializzate, abbiamo optato, per farvi risparmiare e godere il vostro articolo desiderato ad un prezzo agevolato. Ecco un esempio di un Monitor PC da 22 Pollici della Samsung:

Secondo voi dove è la differenza? Ovviamente nella scatola che non ha il marchio.

TI INTERESSA UN PRODOTTO REFURBISHED A PREZZI AGEVOLATI PER TE? CONTATTAMI Su info@jollygadget.com.

Entra e guarda le promo di Jolly Gadget Shop.

Jolly Gadget Shop, offre ai propri clienti il meglio dei prodotti refurbished, qualità e serietà sono ai primi posti.

Vieni a vedere i nostri prodotti e se ti registri al nostro sito riceverai un regalo gratis a casa tua.

Tornate a trovarci, gli Elfi vi salutano calorosamente.