Come vendere online – Metodi alternativi

Buongiorno amici, prima di continuare vi consiglio di leggere, se non l’avete già fatto, il mio articolo su cosa è e come funziona un e-commerce, in maniera tale da avere una infarinatura sul tema del commercio elettronico.

Quando parliamo di vendere online, la prima cosa che ci passa per la testa è Amazon, dove attualmente è il numero uno al mondo in fatto di vendita online di prodotti. Ha iniziato nel 1999 vendendo libri e adesso fa miliardi di dollari. Per iniziare a vendere online, bisogna saper analizzare i metodi alternativi in base alla propria disponibilità economica, di tempo e all’esperienza.

Ad oggi il panorama web è cambiato, la gente si affida ai social, agli influencer, alle community per acquistare sereni, allora bisogna prendere il toro per le corna e cavalcarlo come in un rodeo. Ma voi potete richiedere a noi una presentazione dettagliata, in base ai vostri obiettivi noi daremo vita a un progetto con garanzia al 99,9% di successo. Quel 1% lo abbiamo riservato alla vostra rinuncia anche se in molti casi diversi clienti hanno preso loro il 99% delle risorse, consigliati da new agency, newby, neofiti corsisti promossi da loro guru web, fuori è una giungla spietata, tagliatori di mouse, tastiere e accattivanti esseri che con immagini di paypal creati con photoshop fanno vedere cifre a 6 zeri, promettendo guadagni da 1 milione di euro in un anno. NO AMICI, BUGIE, FANDONIE, SCIACCALLAGGIO, se siete stanchi di prendere cantonate, di false promesse e di orizzonti invisibili affidatevi a chi nel web vi è dal 1990 saremo lieti di condurvi mano nella mano al successo ma noi lavoriamo in maniera diversa, vi creiamo la soluzione sartoriale. Contattateci senza impegno.

I metodi alternativi per vendere online sono i seguenti:

  • Marketplace diretti ed indiretti;
  • Dropshipping;
  • Franchising;
  • Sito e-commerce;

Marketplace diretti ed indiretti

La parola Marketplace indica una specie di supermercato virtuale, dove troviamo dei prodotti e/o servizi in vendita a determinati prezzi, Dove basta cliccare per comprare, mettere l’indirizzo di spedizione e pagare. Semplice. Il marketplace è diviso in due parti: diretti ed indiretti, adesso vi spieghiamo la differenza:

Marketplace diretti

I Marketplace diretti sono quelli gestiti da una determinata piattaforma, dove l’azienda o il privato mette in vendita il prodotto con il suo prezzo, e viene spedito direttamente dalla piattaforma o dall’azienda/privato. Tutto questo senza uscire dalla stessa. I marketplace diretto più diffuso è eBay e Amazon. Entrambi permettono vendite di prodotti di qualsiasi tipo, in maniera consolidata e sicura. eBay accoglie sia privati che aziende, mentre Amazon accoglie solo aziende. Ovviamente non è gratis, ci sono delle commissioni in percentuale o mensili che variano a seconda delle categorie, fatturato, numero di prodotti, etc. Bisogna saper pianificare per bene i costi di vendita, affinchè il margine di guadagno sia soddisfacente. Certo ci sono marketer che guadagnano migliaia di euro al mese, ma hanno esperienza e sanno come muoversi.

Marketplace indiretti

Nei marketplace indiretti, è l’azienda/privato che sfrutta la piattaforma per pubblicizzare e vendere i propri prodotti e/o servizi, senza ulteriori commissioni. Praticamente l’acquirente, sempre tramite la piattaforma, può comprare direttamente dal privato utilizzando una chat o il cellulare, oppure cliccando il prodotto nella quale lo porta al sito del venditore. I marketplace indiretti più diffusi sono: Facebook, Subito.it, Twitter e Instagram. Qui le commissioni sono gratis a seconda dei casi, (più per i privati). Mentre in altri casi, soprattutto per le aziende, c’è un contributo fisso o mensile.

Dropshipping

Il dropshipping è un sistema che permette di vendere senza avere in mano i prodotti. Sostanzialmente ci sono tre figure, il venditore, il fornitore e il cliente. Il venditore è colui che vende i prodotti del fornitore, ai prezzi che vuole, al cliente. Il fornitore si occupa della gestione dei prodotti e della spedizione. Al mondo ci sono migliaia di opportunità di dropshipping, esteri ed italiani. Ci guadagna sia il venditore che il fornitore ovviamente cercando di contenere i prezzi di vendita in maniera tale da avere margini di vendita. Il dropship italiano più usato è bazarissimo, ma bisogna vendere parecchio per poter guadagnare. Il venditore può appoggiarsi ai marketplace diretti ed indiretti, oltre che al proprio sito. Qui le commissioni variano da drop a drop.

Franchising

Il Franchising è per certi versi simile al dropshipping, solo che si avrà un sito online automatizzato ela pubblicità viene gestita da altri. L’affiliato dovrà solo occuparsi della gestione degli ordini, della presenza e dei contenuti social e dei rapporti con la clientela. Anche qui ci sono migliaia di opportunità a seconda della merceologia e ognuna di queste ha un suo prezzo a seconda dei servizi scelti. Ma bisogna lavorare per bene, in quanto il guadagno, in percentuale, varia in base al fatturato. Tutto dipende dalla voglia di lavorare, quindi se si vuole intraprendere questa strada, bisogna preventivare una spesa che va dai 1.000 euro in su, a seconda che si voglia gestire un negozio online piccolo o grande.

Sito e-commerce

Il sito e-commerce è di fatto una soluzione che almeno il 65% delle persone ha scelto. In pratica si acquista uno spazio web e un dominio dove attivare una determinata piattaforma commerce tipo, Magento, Opencart, Woocommerce, Shopfy, etc. Bisogna avere un minimo di conoscenza per poter entrare in questo metodo alternativo di vendita. Non è facile gestire tutti i parametri, basta poco per sbagliare, per cui bisogna affidarsi ad uno specialista che sappia il fatto suo, non le classiche Web Agency che sanno solo spennare con zero risultati. Oltre a configurare per bene tutto il sito, bisogna saperlo posizionare in ambito SEO. Cosa non da poco vista la concorrenza spietata in rete. Qui le commissioni sono incentrate sul costo del dominio e della piattaforma, per il resto è un investimento a parte a seconda di quello che si vuole fare e gli obiettivi da perseguire. 

Questi sono quattro metodi alternativi per vendere online, ditemi cosa ne pensate. lasciate commenti, scriveteci via email o messenger siamo qui per accompagnarvi al traguardo…..

Saluti amici alla prossima postata.

Optimized with PageSpeed Ninja