Marketing e-commerce: tutto quello che devi sapere per far esplodere il tuo eShop nel 2020

Eccoci amici adesso si parte in quarta diamo un saggio del nostro bagaglio di esperienza e non risparmiamo nessuno. ora sedetevi comodi e prendete le dovute pause, vi concedo di scaricare come guida,pdf, trattato stampa, questo per darvi un saggio di cio che entrando con noi potreste imparare

Partiamo:

Il marketing e-commerce è un settore da miliardi di dollari: basta chiedere a Jeff Bezos.

marketing e-commerce

Ogni anno porta un altro giro di chiusure e una corrispondente esplosione di negozi online.

Nel Regno Unito, HMV, Toys R Us e Maplin sembravano intoccabili; l’anno scorso hanno chiuso tutti centinaia di filiali o chiuso per sempre.

Nel frattempo, la spesa e-commerce è cresciuta del 15%  solo l’ anno scorso . In questo momento, l’e-commerce comprende solo un decimo della spesa al dettaglio negli Stati Uniti:

marketing e-commerce

Ma è difficile interpretare male questa tendenza.

È fantastico, tranne per il fatto che i negozi di e-commerce devono affrontare una forte concorrenza da parte di siti con giochi di marketing altrettanto seri.

Lo shopping dei consumatori e le abitudini di spesa cambiano, gli algoritmi di ricerca cambiano ed è fondamentale cambiare con loro; i buoni consigli dell’anno scorso potrebbero farti perdere clienti e denaro.

Quindi, come dovrebbero gli esperti di e-commerce ottenere più lead e vendite nel 2019?

In questo post esamineremo cinque aree principali, spiegando come utilizzare annunci a pagamento, contenuti, e-mail, il tuo sito Web e l’esperienza del prodotto per commercializzare efficacemente il tuo negozio di e-commerce.

1. In che modo gli esperti di e-commerce dovrebbero utilizzare annunci a pagamento?

Nell’ultimo anno, il problema della frode nella pubblicità digitale è passato da una lamentela del settore a una storia di prima pagina.

L’ Intelligencer ha pubblicato una storia nel dicembre dello scorso anno  chiedendo: “Quanto di Internet è falso?” Nello stesso titolo, l’autore dell’articolo, Max Read, ha risposto alla sua domanda:

“In effetti, molto, in realtà.”

Il pezzo è servito come una raccolta per mesi di copertura sempre più negativa dello spazio pubblicitario digitale.

Innanzitutto, hai otto accuse del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti  in un caso di frode pubblicitaria da 36 milioni di dollari che recita come I vestiti nuovi dell’imperatore per l’era pay-per-click : siti Web falsi, con traffico falso diretto a loro da malware.

L’unica cosa vera nell’equazione erano i soldi, rubati agli acquirenti di annunci che credevano che i loro annunci andassero di fronte a veri e propri bulbi oculari umani, e avevano le statistiche per dimostrarlo.

Poi c’è il famigerato problema delle visualizzazioni di video di Facebook: non solo la società ha incoraggiato un ‘pivot to video’ potenzialmente disastroso su più media e organizzazioni di creazione di contenuti (inclusi negozi di e-commerce) fornendo agli acquirenti di annunci numeri di visualizzazione dei video estremamente gonfiati ; essi possono avere conosciuto su di esso per più di un anno .

Su alcune piattaforme, il problema è così grave che minaccia l’assurdità.

Per un po ‘nel 2013, gran parte del traffico di YouTube era costituito da robot che i lavoratori di YouTube temevano una “inversione”, in cui i loro sistemi di rilevamento di spam e bot avrebbero iniziato a riconoscere i robot come traffico reale e avrebbero iniziato a penalizzare automaticamente gli utenti umani.

E YouTube rappresenta fino a un quarto  di tutte le spese pubblicitarie video in America!

Anche se puoi affermare con certezza che i tuoi annunci sono davanti a persone reali, hai ancora il problema della protezione del marchio o della corrispondenza del marchio.

Anche qui YouTube ha avuto problemi: ricordi quando Johnson e Johnson, AT&T e Loreal hanno scoperto che i loro annunci su YouTube venivano pubblicati all’inizio dei video dei suprematisti bianchi ?

YouTube ha preso provvedimenti per risolverlo da allora, ma ancora: l’acquisto di annunci programmatici può lasciare i marchi esposti ad associazioni sgradevoli.

Quindi, che tipo di pubblicità digitale è ancora efficace per i moderni negozi di e-commerce?

È meno una questione del tipo che usi, più di come lo usi, anche se ti consigliamo di non fare troppo affidamento sull’acquisto programmatico di annunci e ti consigliamo di utilizzare annunci dove hai più controllo.

Pay Per Click (PPC) / Cerca annunci

Gli annunci PPC rimangono un modo efficace per acquisire traffico per il tuo negozio di eCommerce.

Gli annunci della rete di ricerca ti danno il potere di selezionare e scolpire, nonché di indirizzare il traffico e indirizzarlo in modo affidabile a pagine specifiche. Ciò genererà vendite .

Questi sono vantaggi significativi rispetto al traffico di ricerca organico “gratuito”.

Stai eseguendo un lancio di un prodotto, una vendita o ti trasferisci in una nuova area di prodotti?

Quelle pagine potrebbero non attrarre molto traffico organico, ma PPC può portare il traffico di cui hai bisogno.

Questo approccio sarà più efficace se strettamente integrato con la tua strategia SEO , poiché i due approcci possono funzionare in sinergia.

PPC tende inoltre a generare traffico ad alta conversione orientato all’acquisto e la tua strategia di parole chiave per i tuoi annunci PC dovrebbe essere orientata al prodotto.

Qualcuno alla ricerca di “scarpe oxford da donna rosse misura 71/2”, ad esempio, sta probabilmente cercando di acquistare un paio; per lo meno, lo stanno prendendo in considerazione, motivo per cui la ricerca è così specifica.

Laddove non effettuano un acquisto, potrebbero comunque diventare il candidato ideale per l’email marketing, che vedremo di seguito.

Come far funzionare PPC per il tuo negozio eCommerce

Le conversioni sono ciò che conta, non i clic.

Molte aziende lanceranno un’ampia rete, sperando di catturare il maggior traffico possibile; ma se ti concentri su parole chiave a conversione elevata tenendo presente l’intenzione di acquisto, avrai maggiori probabilità di vedere una campagna PPC con ROI elevato.

“Abbiamo scoperto che l’azienda media ottiene tutte le sue conversioni solo dal 6% delle sue parole chiave”, afferma Jacob Baardsgaard di PPCHero . “Il resto del pescato è inutile, ma consuma ancora il 76% del bilancio PPC.”

È ovvio, quindi, che identificare parole chiave ad alto rendimento è la cosa più vitale che puoi fare per il tuo successo PPC.

Se hai impostato il monitoraggio delle conversioni in Google Analytics o l’equivalente nello strumento che preferisci, dovresti essere in grado di vedere quali parole chiave hanno prodotto conversioni; in caso contrario, puoi guardare alla segmentazione del pubblico.

Inizia con i tuoi migliori contatti, quindi torna indietro da lì. Se non disponi di informazioni sulle parole chiave per mostrare come sono arrivate al sito, guarda le parole chiave per le quali hanno acquistato la classifica e cerca di utilizzare parole chiave simili nella tua campagna PPC.

Ricorda: più specifica è la tua parola chiave, più è probabile che sia efficace; stai cercando quel punto debole in cui la percentuale più alta possibile di persone che vedono il tuo annuncio è buona, orientata all’acquisto, senza cercare di ottenere traffico di per sé.

Questa è una strada a doppio senso: usa i dati PPC per ottimizzare la ricerca organica e viceversa.

Quando Adept ha esaminato l’integrazione di PPC e SEO in questo modo , ha registrato un aumento delle vendite del 48% e un aumento del ROI del 223%.

  • Identifica parole chiave a conversione elevata
  • Se non ci riesci, identifica i segmenti di pubblico ad alta conversione e torna alle parole chiave
  • Integrazione con SEO, condivisione di dati e utilizzo della stessa strategia generale
automazione del marketing e-commerce

Bonus: come testare i tuoi annunci PPC nel modo giusto con 99Robot .

Annunci di Google Shopping – precedentemente annunci con scheda di prodotto (PLA)

Gli annunci di Google Shopping sono immobili di alta qualità con immagini di qualità rispetto agli annunci PPC di solo testo. Ecco la differenza:

piattaforma di marketing e-commerce

I PLA ti consentono di fare alcune delle cose più potenti che puoi fare nel marketing e-commerce: mostra all’utente un’immagine, mostra loro recensioni e mostra loro un prezzo.

Per questi motivi, i PLA sono di gran lunga lo strumento più efficace per i negozi di e-commerce.

Hanno senso se hai una vasta gamma di prodotti – in realtà, sono specificamente lì per i negozi di e-commerce più grandi.

Per utilizzare Google Shopping Ads avrai bisogno di un account Google Merchant Center e di un account Google Ads.

Come asso Google Shopping Ads

  • Assicurati che le tue immagini siano tue! Non fare affidamento su immagini del produttore, foto di stock o immagini di eBay / Amazon
  • Diventa un Google Trusted Store per aumentare il ranking e le percentuali di clic
  • Controlla la qualità del feed del tuo prodotto. Ciò è di fondamentale importanza: se il feed di dati e il sito Web non corrispondono, Google non visualizzerà i tuoi annunci di prodotto.

Pubblicità display

La pubblicità display funziona al meglio quando corrisponde strettamente alle intenzioni del cliente.

Pensa a un annuncio per scarpe da corsa: visualizzato a fianco di un post sul blog sui tassi dei mutui, è solo uno sfondo; è probabile che il lettore lo filtri e non se ne accorga nemmeno.

Questo destino riguarda anche altri tipi di pubblicità. Ma gli annunci display sono particolarmente colpiti. Guarda questo studio del gruppo NN:

marketing e-commerce

Il lettore ha esaminato il testo a cui sono realmente interessati e ha completamente ignorato le parti della pagina in cui possono aspettarsi di vedere annunci pubblicitari.

Fondamentalmente, non hanno guardato, hanno determinato che il contenuto è pubblicità e hanno guardato altrove.

Controlla la mappa di calore. Sapendo che possono aspettarsi di vedere contenuti pubblicitari nella barra laterale, il lettore non ha nemmeno guardato affatto.

Ora immagina che il nostro annuncio per scarpe da corsa sia visualizzato accanto a un articolo sulle lesioni da corsa, specialmente se porta a una pagina di destinazione che si occupa della prevenzione degli infortuni.

Ora stai parlando la lingua dei tuoi clienti e al momento giusto.

L’annuncio non è un’intrusione che il lettore deve filtrare; sono ulteriori informazioni utili.

Questo funziona solo quando gli annunci sono altamente specifici per quanto riguarda l’interesse e l’intenzione del lettore.

A causa di questo requisito di specificità, ha senso utilizzare annunci display per promuovere offerte speciali e altri eventi piuttosto che come tariffa pubblicitaria giornaliera per pane e burro.

Questi annunci dovrebbero essere targetizzati da:

  • Dati demografici del sito: posiziona annunci su pagine con dati demografici corrispondenti ai tuoi clienti.
  • Argomenti della pagina: posizionare annunci in base all’argomento di una pagina specifica.
  • Parole chiave: posiziona i tuoi annunci display in base alle parole chiave nella pagina.

retargeting

Inoltre, i negozi di e-commerce dovrebbero cercare di sfruttare il retargeting offerto da alcune reti pubblicitarie, permettendoti di mettere i tuoi annunci di fronte a persone che hanno già dimostrato disponibilità visitando il tuo sito web.

Gli annunci con retargeting possono offrire tassi di conversione fino al doppio di  quelli della pubblicità standard.

Come asso pubblicità display per il tuo negozio e-commerce

  • Scegli come target i tuoi personaggi, a partire dai dati demografici, quindi dal comportamento e dagli interessi
  • Utilizza gli annunci display per vendite, speciali e retargeting
  • Scegli le reti pubblicitarie che ti consentono di fare tutto ciò!
clicca qui banner

2.Content marketing per i negozi di e-commerce nel 2019

Quando vedi “content marketing”, è facile pensare che parleremo di post sul blog.

Grandi, prolissi come questo, o piccoli di 500 parole: il contenuto scritto è ciò che pensiamo per primo.

Ma ricorda, tutto può essere contenuto. Immagini, video, interattivi e diversi tipi di contenuti scritti possono essere sfruttati per aumentare il traffico e le conversioni.

Contenuto video e come sfruttarlo

Il contenuto video è il tipo di contenuto preferito di Internet.

È certamente il tipo di contenuto preferito dagli esperti di marketing. L’87% delle aziende lo usa, l’83% degli esperti di marketing che lo usano afferma di ottenere un buon ROI da esso e l’88% afferma che ci spenderanno di più quest’anno rispetto allo scorso anno, secondo Wyzowl .

Gli esperti di e-commerce possono far funzionare i video per loro in un modo in cui i contenuti di testo non possono fare.

Il solo contenuto di testo mostrerà in genere immagini fisse e istruzioni: guardare un video di qualcuno che sta eseguendo l’attività che stai per tentare rende più facile seguire e vedere i passaggi che le immagini potrebbero non essere rilevate e le difficoltà del testo da descrivere.

Inoltre, il video può mostrare un prodotto in azione in un modo che le immagini fisse non possono trasmettere.

Tutti sanno vendere lo sfrigolio, non la bistecca – a nessuno importa della potenza del robot da cucina, si preoccupano di come sarà usare l’oggetto nella loro cucina.

Il video ti consente di mostrarli.

In un settore in cui il marketing deve costantemente lottare per superare il fatto che l’acquirente non può vedere, sentire o provare il prodotto da solo, un video è il più vicino che puoi ottenere.

Il video ti consente di guidare i nuovi acquirenti attraverso l’installazione e la manutenzione del loro nuovo prodotto.

Il marketing non cessa dopo l’acquisto e la sensazione di competenza nell’impostazione del nuovo prodotto può aumentare la probabilità che i tuoi nuovi acquirenti si divertano e raccomandino il prodotto e il negozio da cui lo hanno acquistato.

Vale anche la pena collocare questi video nelle pagine dei prodotti affinché le persone possano vederli prima dell’acquisto, soprattutto se vendi qualcosa che richiede una configurazione o un assemblaggio; l’ansia del fatto che saranno in grado di installare o assemblare facilmente il prodotto sarà un grosso disincentivo all’acquisto e il tuo video può gestirlo per te.

Questo può anche essere un modo efficace per applicare il proprio marchio all’acquisto di prodotti realizzati da altre società.

Come massimizzare i contenuti video per il tuo negozio eCommerce

  • Youtube! È il secondo motore di ricerca più grande, sembra certamente che conferisca un miglior posizionamento nei risultati di ricerca di Google ed è hosting di video gratuito. Anche se scegli di non utilizzarlo per il tuo hosting video in loco, metti comunque i tuoi video su Youtube.
  • Realizza video in grado di svolgere diversi lavori. Un video è costoso: crea video di prodotti che raddoppiano come tutorial o video di marketing.
  • Ricorda che deve essere divertente per il tuo pubblico – target e segmento.

Post di blog: hanno un posto nel marketing e-commerce?

I post di blog come questo hanno meno probabilità di influenzare gli acquirenti di e-commerce. Concesso è di 5.000 parole, ma non è la dimensione che fa la differenza.

Il tuo pubblico leggerà quanto troverà rilevante e interessante.

I blog di e-commerce che sono stati assemblati in fretta di solito finiscono con del materiale di vendita e alcune notizie generali sullo spazio in cui il sito opera.

Questa e la scarsa qualità di scrittura sono i due omaggi più grandi che il sito ha un blog perché è una casella da spuntare, non perché c’è un vero piano per ottenere nuovi clienti e mantenere il vecchio, usando il blog.

Al contrario, ecco come può funzionare il blog di un sito di e-commerce.

piattaforma di marketing e-commerce

Au Lit Fine Linens vende lenzuola in lino e altri arredi in lino per il mercato del lusso.

Il loro blog, Between the Sheets, offre il loro lookbook, ma offre anche consigli su come mantenere la tua camera da letto ribaltabile e idee per lo stile della camera da letto da altre fonti.

automazione del marketing e-commerce

Tutte le loro immagini sono anche Pinnable.

Considera questo post, “Qual è la differenza tra un piumone e un piumino?”

marketing e-commerce

Qui l’autore spiega qualcosa che potrebbe essere abbastanza secco, con alcuni tocchi di umorismo e una voce umana.

‘Se apri un dizionario francese-inglese e guardi la parola “piumone”, vedrai che la traduzione letterale è “lanugine”, ed è esattamente come ci piace pensare a un piumone.

Un piumone è composto da due pezzi di tessuto cuciti insieme e imbottiti con qualsiasi forma di materiale isolante, che sia piuma d’oca, piume o fibre sintetiche.

Un piumone è soffice e isolante, disegnato su delle lenzuola e ti tiene caldo durante la notte. Pensa al soffice topper su un letto d’albergo: gonfio, leggero e accogliente. ‘

Questo post affronta una domanda a cui i lettori del blog potrebbero effettivamente voler conoscere la risposta, e lo fa con una voce che farà appello a loro.

Come utilizzare i post di blog per indirizzare il traffico nell’e-commerce

  • Punta al tuo pubblico. Spara per un mix di materiale informativo informativo e divertente e scopri quale fa meglio.
  • Abbina la voce del tuo blog al tuo marchio. Gonfio, leggero e accogliente è una combinazione perfetta per Au Lit; Caterpillar vorrebbe affrontare le cose diversamente, e anche tu.
  • Usa il tuo blog in sinergia con gli altri tuoi canali di marketing. Inserisci video e includi post in newsletter e altre e-mail.

Contenuti interattivi: arma segreta di marketing per contenuti di e-commerce

Lo shopping in negozio è intrinsecamente interattivo. Puoi raccogliere le cose, capovolgerle, tenerle alla luce, sfilarle in mano e provarle.

Niente di tutto ciò è possibile su un sito di e-commerce, quindi dobbiamo offrire la cosa migliore da fare.

I contenuti interattivi consentono ai siti di e-commerce di consentire ai consumatori di acquistare come desiderano, gestendo le proprie relazioni con i tuoi contenuti, il tuo marchio e i tuoi prodotti.

Un buon esempio è l’app Virtual Artist di Sephora.

marketing e-commerce

Sul telefono o sul browser desktop, ti consente di scattare un selfie, quindi simula le prove del prodotto e guarda come appariresti indossando il prodotto.

Sephora afferma di  aver provato 200 milioni di sfumature e oltre 8,5 milioni di visite alla funzione.

Questo tipo di contenuto è molto più costoso che assumere qualcuno per eliminare alcuni post del blog.

Ma è anche radicalmente più efficace.

Funziona meglio quando la tecnologia e il processo sono al centro del modo in cui l’azienda si commercializza, meno bene quando si tratta di un componente aggiuntivo periferico.

I contenuti interattivi non devono essere così complessi e approfonditi come l’app di Sephora.

Può essere semplicemente un video interattivo.

I video interattivi possono aumentare i tempi di visualizzazione del 47% E quando questi video interattivi sono acquistabili, rappresentano un modo per ridurre l’attrito nel processo di conversione e offrire ai consumatori ciò che desiderano.

Come farlo

  • Identifica il problema che il tuo pubblico desidera maggiormente risolvere. Sephora consente agli utenti di provare il trucco prima di acquistare online. Cosa frustra i tuoi utenti e impedisce loro di acquistare?
  • Crea contenuti che consentano al tuo pubblico di risolvere i propri problemi, in un modo che possano apprezzare. L’obiettivo potrebbe essere quello di imitare l’esperienza di “navigazione” dello shopping in negozio, ma a seconda del pubblico, non deve essere così.
  • Rendi i tuoi contenuti acquistabili! Non forzare gli utenti a uscire dal contenuto che preferiscono e arrancare attraverso il processo di pagamento standard. Lascia che acquistino direttamente dal video, dal lookbook o dall’app.

Fatto correttamente, il marketing dei contenuti può essere la chiave sia per il traffico che per le vendite.

I siti di e-commerce che hanno un gioco con contenuti stretti ottengono più traffico e anche più conversioni. Un ottimo modo per migliorare il tuo content marketing è assumere un’agenzia di content marketing dedicata per aiutarti.

3.Marketing con il prodotto: consegna e unboxing

Anche il modo in cui i tuoi clienti interagiscono con il tuo prodotto può essere marketing.

automazione del marketing e-commerce

In realtà, è un eufemismo.

È vero tra le aziende in generale; per i negozi di e-commerce, le cose sono ancora più drasticamente distorte.

I clienti abituali sono solo l’8% della base clienti media di un negozio di eCommerce, ma rappresentano il 40% delle entrate.

piattaforma di marketing e-commerce

Chiaramente, incoraggiare tali clienti è di vitale importanza.

Incoraggiare acquisti ripetuti e rinvii rendendo il tuo prodotto super attraente da ricevere e aprire ha un ROI enorme.

Ciò può significare un approccio diverso e più esperienziale al confezionamento e alla consegna, come ricreare l’esperienza di unboxing del prodotto o aggiungere la spedizione in giornata .

Unboxing: potente marketing per l’acquirente

I video di unboxing sono un fenomeno. Quando ho cercato su Google “video unboxing” (da un server americano) ho ottenuto 131 milioni di risultati:

automazione del marketing e-commerce

Youtube ha canali interamente dedicati all’unboxing – Influencer Marketing Hub ha arrotondato i primi 15  – e due dei 10 canali YouTube più visti negli Stati Uniti nel 2018 erano canali di unboxing; tra loro, hanno collezionato oltre 38 miliardi di visualizzazioni dal lancio.

Perché qualcuno si preoccupa abbastanza di guardare un video di qualcun altro che sta scartando qualcosa che ha comprato?

Perché alcuni dei marchi di maggior successo al mondo comprendono che l’Unboxing è esperienziale: un luogo per aggiungere valore, non qualcosa da superare il più rapidamente possibile.

(Non sono sicuro di quella pizza però.)

Quando le persone guardano i video di unboxing, fanno acquisti: esplorano come sarà ricevere un articolo che stanno pensando di acquistare.

Non sempre, certo – ma il 62% delle visualizzazioni di video unboxing proviene da persone con intenzione di acquisto .

Un modo per ottenere il tuo prodotto su un video unboxing è pagare un influencer per presentarti.

Ma un altro è semplicemente quello di concentrarsi sull’esperienza di unboxing e progettare il tuo packaging per supportarlo.

Ricorda che l’obiettivo non è solo quello di apparire nei video: è un bel bonus.

Piuttosto, è per aumentare l’eccitazione che genera l’acquisto nei tuoi clienti in modo che tornino da te e facciano riferimento ai loro amici.

Uno dei marchi che fa questo meglio è Birchbox: se sei un marketer di e-commerce, ti consiglio di iscriverti alla loro lista e-mail e controllare alcuni dei loro video di unboxing per vedere quanto sia efficace questa tattica.

Birchbox include un 10% di coupon, presentato come ricompensa …

marketing e-commerce

… e un “menu” che mostra cosa c’è nella scatola.

marketing e-commerce

Ma c’è un altro aspetto di ciò che viene fatto qui.

Queste scatole stanno facendo il branding, non solo il “10% di sconto” sul marketing. L’offerta è legata alla natura sociale dello shopping per i prodotti per la cura della persona.

Ci sono milioni di modi per farlo. Nessuno può dirti esattamente perché nessuno conosce il tuo marchio (o il marchio del tuo cliente) come te.

Marketing fuori dagli schemi: come vincere il gioco di unboxing

Non è solo unboxing.

È ciò che c’è nella scatola e la scatola stessa. Guarda come i marchi di marketing e-commerce più efficaci portano il marchio e il marketing sull’imballaggio di consegna. Dollar Shave Club fa in un modo:

piattaforma di marketing e-commerce

Nel lontano 2012, la UX di Facebook e lo stratega dei contenuti Jonathan Coleman hanno fatto eco al marchio del Dollar Shave Club, definendo la loro esperienza di unboxing ‘fottutissima’ e spiegando :

‘Questo è esattamente quello che volevo vedere dal Dollar Shave Club. La microcopia stampata che fa proprio sul marchio, mi fa ridere e si allinea perfettamente all’esperienza video originale “.

Imprecazioni e scherzi, colori vivaci e una visione ironica e ironica dell’età d’oro dei prodotti per la cura degli uomini si abbinano perfettamente al loro marchio e al loro pubblico.

Potrebbe non adattarsi così bene al tuo.

Man Crate fa così:

Storytelling e branding si rafforzano a vicenda, con unboxing posizionato al centro della scena – in un video della durata di soli 30 secondi.

Apple ha un approccio diverso:

spacchettamento

Non c’è niente su questa semplice scatola bianca … niente che non grida Apple.

Un marchio affermato con un’immagine particolare – elegante, ipermoderno, discreto – può farcela.

Ancora una volta, potrebbe non essere adatto al tuo marchio.

Come massimizzare il unboxing per il marketing e-commerce

  • Ricorda che è il marchio! Comunica innanzitutto l’identità del tuo marchio ai tuoi acquirenti.
  • Incoraggia il rinvio e ripeti l’acquisto con cataloghi e lookbook, coupon e buoni.
  • Incoraggia i tuoi acquirenti a realizzare i propri video di unboxing, una potente forma di marketing che può farti agire senza che tu debba fare il lavoro.
clicca qui banner

4.Come utilizzare l’email marketing per guidare le vendite di e-commerce nel 2019

L’email marketing è l’arma segreta nei toolkit dei marketer di e-commerce.

Naturalmente, altre aziende possono sfruttare l’email marketing e, dato che hanno un ROI più elevato rispetto alla ricerca, ai social o ai contenuti , lo fanno.

Ma i negozi di e-commerce hanno una posizione unica per giocare perché hanno così tante opportunità di entrare in contatto con i loro clienti.

Puoi inviare un’e-mail ai clienti ogni volta che visitano il tuo negozio e, di tanto in tanto, in caso contrario; ogni volta che ottieni un nuovo prodotto e ogni volta che un prodotto viene sospeso; ogni volta che c’è una vendita e quando le vendite finiscono.

Ci sono un milione di esempi in più, ma penso che il punto sia chiaro: si tratta di e-mail che almeno alcuni clienti vogliono effettivamente ricevere, e fatte bene possono aumentare le conversioni non del 20% o del 50% ma del 200% o del 500%.

L’email marketing per l’e-commerce è più efficace quando utilizza flussi mirati.

Nessun cliente che si è registrato dovrebbe mai essere completamente fuori dal radar, ma dovrebbe essere sul flusso giusto.

Quando discuteremo di seguito delle tattiche di email marketing per l’e-commerce, stiamo parlando dei flussi di email; strutture multi-mail, costruite in anticipo, automatizzate e che consentono ai clienti di inserirsi in nuovi flussi in base al proprio comportamento.

Ecco alcuni dei flussi di email marketing più efficaci:

Flussi di posta elettronica di nuovi clienti

Quando un nuovo cliente acquista qualcosa, dovrebbe essere immediatamente accolto con un nuovo flusso di posta elettronica del cliente.

Un flusso di più e-mail è più efficace di una singola e-mail, offrendo molteplici opportunità di coinvolgimento.

I nuovi clienti possono essere accolti in vari modi.

Le startup tecnologiche accolgono spesso le nuove iscrizioni con un’e-mail dall’indirizzo personale di qualcuno dell’azienda; questo può funzionare per i negozi di e-commerce, ma anche le e-mail più impersonali che guidano i clienti attraverso l’utilizzo del negozio e dei prodotti in vetrina.

Questi possono essere combinati con incentivi all’acquisto – guarda come Forever 21 lo fa:

marketing e-commerce

È tutto lì: urgenza, incentivo, stile sul marchio e spedizione gratuita per ordini superiori a £ 50 per l’avvio.

Il resto dell’email mostra i prodotti di Forever 21 in un’unica schermata:

marketing e-commerce

Semplice ed efficace, questa singola e-mail di benvenuto avrebbe potuto essere più forte se fosse stata incorporata in un flusso multi-e-mail che sfruttava il tasso di apertura e il posizionamento nella casella di posta in arrivo molto elevati delle e-mail di benvenuto per creare una relazione con il destinatario.

Come far funzionare i flussi di posta elettronica di nuovi clienti per te

Tempo di spina spudorato.

Puoi usare altri strumenti di posta elettronica. Ma ti spiegherò come utilizzare Moosend per impostare flussi di posta elettronica di benvenuto automatizzati per tutti i tuoi nuovi clienti. Non è una lunga passeggiata.

Inizia andando nel menu di automazione:

automazione del marketing

Vedrai una selezione di flussi di lavoro automatizzati predefiniti che devono solo essere compilati con i tuoi contenuti.

automazione del marketing e-commerce

L’onboarding e le e-mail dei nuovi clienti si trovano nella parte inferiore della prima schermata. Le e-mail di benvenuto sono in fondo se scorri verso il basso.

Quale di questi scegli di usare dipende da te; Il nuovo cliente è impostato come una singola e-mail, mentre Welcome è progettato per iscrizioni o offerte più complesse in cui potrebbero essere necessarie più e-mail. Tuttavia, possono essere utilizzati per segmentare i nuovi clienti in base alle loro risposte all’email iniziale.

Le email dei nuovi clienti funzionano così:

automazione del marketing e-commerce

L’impostazione predefinita è rispondere quando qualcuno effettua il suo primo acquisto, qualunque sia il prodotto, e dopo un breve ritardo, invia un’email di saluto al nuovo cliente.

Puoi collegarti alle e-mail che hai già creato, consentendo a Moosend di inviarle, nonché scegliere da quale indirizzo e-mail verranno inviati e inserendo l’oggetto:

  • Le righe dell’oggetto devono essere abbastanza brevi da essere visualizzate completamente sui dispositivi mobili e supportare lo scopo dell’e-mail.
  • Cosa stai cercando di aiutare il destinatario a fare dopo? Se hanno effettuato un acquisto, cosa vuoi che facciano adesso? Se si sono registrati, ma non hanno effettuato un acquisto, quale dovrebbe essere il loro prossimo passo? Le e-mail di benvenuto funzionano meglio quando fanno parte di una struttura e-mail che guida il destinatario attraverso il labirinto del tuo negozio per ripetere l’acquisto.
  • Non dimenticare che i contenuti possono iniziare nella prima e-mail: questo è un ottimo posto per includere quel video dimostrativo!

Navigazione dei flussi di follow-up

Se hai l’indirizzo e-mail di qualcuno e questi visitano il negozio e navigano, ma non effettuano l’acquisto, è possibile che fossero solo vetrine.

O forse hanno trovato un affare migliore da qualche altra parte.

Ma potrebbe anche essere che hanno cambiato dispositivo, o il loro Uber è arrivato al lavoro, o qualsiasi altra cosa su un milione di cose che potrebbero impedirti di decidere di acquistare una sciarpa, un paio di cuffie o un set di cacciaviti da 16 pezzi.

Queste persone hanno bisogno di e-mail di follow-up che ricordino loro il prodotto che stavano guardando, offrono prodotti simili e, se del caso, offrono loro uno sconto sull’acquisto.

Scopri come lo fa Forever 21:

automazione del marketing e-commerce

Come vincere con la navigazione delle e-mail di follow-up

Moosend ti consente di creare e-mail di reimpegno che filtrano i tuoi contatti.

Il flusso è simile al seguente:

automazione del marketing e-commerce

Quando qualcuno nella tua lista e-mail sfoglia una pagina ma non effettua un acquisto, puoi impostare questo flusso e-mail in modo che attenda un intervallo di tempo specifico, quindi e-mail quella persona.

Ancora meglio, puoi filtrare i contatti, scegliendo solo quelli che hanno effettuato un acquisto; quindi puoi impostare un flusso separato per coloro che non li hanno raggiunti con messaggi diversi e mirati.

Email di carrello abbandonate

I carrelli abbandonati costano e-commerce $ 75 trilioni in tutto il mondo ogni anno .

Sono il più grande buco nelle canalizzazioni della maggior parte dei siti di e-commerce.

E l’abbandono del carrello è in realtà in aumento di anno in anno:

abbandono del carrello della piattaforma di marketing e-commerce

Le e-mail del carrello abbandonate possono aiutare a risolvere questo problema?

Sì. In realtà, sono uno degli strumenti più efficaci per rimediare ai carrelli abbandonati.

Fatto correttamente, un flusso di e-mail di abbandono del carrello può recuperare fino al 60% delle entrate perse rappresentate dai carrelli abbandonati.

In molti casi, i carrelli vengono abbandonati dagli acquirenti che intendono restituire e terminare l’acquisto ma dimenticano.

Abbiamo scoperto  che il 45% delle e-mail di abbandono del carrello sono aperte, il 21% riceve click-through e oltre il 10% ha portato a un acquisto.

Come far funzionare le email del carrello abbandonate per il tuo negozio di e-commerce

Puoi inviare e-mail di carrello abbandonate da flussi Moosend già pronti in questo modo:

automazione del marketing e-commerce
  • Mandali più tardi! Lascia un divario in modo che le persone possano arrivare a destinazione e tornare online su un altro dispositivo. L’impostazione predefinita di Moosend è di 45 minuti, sperimentala come variabile.
  • Invia un’immagine e un promemoria dell’articolo che stavano acquistando e rendi più semplice possibile tornare allo shopping. Ho visto email di carrello abbandonate con link che ti portavano alla homepage. Quei carrelli rimasero abbandonati.
  • Utilizzare una copia appropriata per il marchio. A volte ciò significa due righe o solo una manciata di parole. Ma se il tono di voce del tuo marchio è personale e informale, assicurati che si trasferisca alle e-mail del carrello abbandonate. Stiamo cercando “sembra che tu abbia lasciato accidentalmente qualcosa dietro al negozio”, non “non hai fallito nell’acquisto. Per favore, rettifica. “

Offerte mirate

Una volta che sai qualcosa sui tuoi clienti, puoi fare offerte di posta elettronica mirate ai loro interessi.

All’inizio dell’email marketing automatizzato, c’erano alcuni errori catastrofici in cui le offerte erano totalmente non mirate – Bob, abbiamo notato che sei interessato alla cucina vegana, quindi che ne pensi del 15% di sconto su queste bistecche di pesce spada? – o troppo  mirato.

Come quella volta, l’algoritmo di Target ha portato accidentalmente un’adolescente incinta  a suo padre inconsapevole.

Ma una volta completate queste e-mail, queste e-mail possono indirizzare con precisione gli interessi dei clienti con prodotti che probabilmente vorranno visualizzare, se non acquistare, e contribuire a incrementare notevolmente il ROI.

Utilizza il flusso di aree di interesse specifiche readymade di Moosend per raggiungere le persone il cui comportamento in loco ha dimostrato di essere interessato a nicchie, prodotti o categorie specifici, offrendo loro coupon o sconti che sai faranno appello a loro.

automazione del marketing e-commerce

Fai valere le tue offerte mirate

  • Aspettare! Non saltare giù dalla gola del tuo pubblico urlando “10% di sconto!” I consumatori fanno acquisti nel tempo libero o quando dovrebbero funzionare, quindi il pomeriggio e la sera sono probabilmente il momento migliore.
  • Abbina da vicino l’offerta. Le nostre scelte non sono casuali: una donna che compra scarpe probabilmente ha in mente un vestito. Un uomo che fa shopping camicie probabilmente ha già l’abito. Se hanno comprato la pesca, non dare loro offerte sul verde lime. Lo stesso vale per gli strumenti o altro.
  • Includi materiale secondario più in basso nell’email che offre “prodotti come” e “accompagna” per catturare l’attenzione degli acquirenti meno focalizzati.
clicca qui banner

5.Sito sul sito: fai in modo che il tuo sito di e-commerce funzioni per te

  • 600w
  • Modulo di progettazione come ostacolo alla registrazione
  • Flusso attraverso il checkout e altre fasi vitali
  • Best practice per le pagine di vendita e di prodotto
  • Come va tutto questo marketing? Colpisce la SEO, influenza il comportamento del cliente

Uno dei modi più vitali che puoi commercializzare è sul sito stesso.

Il flusso attraverso le parti del sito che producono il maggior numero di conversioni riguarda il marketing, proprio come lo sono gli annunci a pagamento, i contenuti o l’email marketing.

Se devi convincere qualcuno a visitare il sito, iscriverti, tornare, guardare una pagina del prodotto e iniziare l’acquisto, ma non hanno completato l’acquisto, non hai fatto soldi.

Finora, così ovvio – anche se in un mondo in cui gli esperti di marketing tendono a rimanere bloccati su metriche a noi familiari e dimenticano di guardare alla linea di fondo, penso che debba ripetere.

Ma man mano che gli algoritmi di classificazione della ricerca diventano più sofisticati, anche il comportamento in loco si ripercuote sulla ricerca.

Pensa alla velocità del sito.

C’è un motivo per cui Google incoraggia i tempi di caricamento rapidi: perché ai clienti piacciono i tempi di caricamento rapidi. Nel 2018, la velocità del sito mobile è diventata un fattore di classifica ; all’inizio di quest’anno, il Search Engine Journal  lo ha definito  “il prossimo grande fattore di ranking su cui concentrarsi”.

È uno dei problemi di esperienza utente più semplici su cui inserire un numero, ma Google controlla la UX nel suo insieme attraverso indicatori proxy come il tempo di permanenza.

Cosa puoi fare per ottimizzare il tuo sito in modo da ottenere più conversioni e  Google ti guarda con un occhio più amichevole?

Inizia con i tuoi moduli.

Se lo costruisci (a destra), lo completeranno: design del modulo e marketing e-commerce

Troppi siti Web di e-commerce hanno forme progettate su desktop e apparentemente dall’IRS e dalle autorità doganali, che lavorano insieme per spazzare via la giornata.

Ecco Joel Klettle of Business Casual Copywriting:

Screen Shot 2019 02 21 al 14.51.11

Quanto di tutto questo hai davvero bisogno di sapere sui tuoi clienti?

Screen Shot 2019 02 21 alle 14.52.41

Predicare, Joel.

Quindi c’è un dispositivo da considerare. In realtà, la maggior parte dei clienti di e-commerce è al telefono.

A riprova di quanto siano ben serviti, l’abbandono del carrello è di ben dodici punti percentuali in più sui telefoni  che sul desktop.

Le cose sembrano molto diverse su un piccolo schermo e funzionano anche in modo diverso.

La digitazione richiede molto più tempo su un telefono, quindi dovremmo mirare a ridurre la digitazione.

I campi che il browser del cliente può compilare automaticamente, come il nome e l’e-mail, sono meno di un impedimento e in realtà abbiamo bisogno di tali informazioni.

I campi, dove devono essere digitati, dovrebbero essere eliminati se possibile.

Ecco il modulo di Schuh (su cellulare):

piattaforma di marketing e-commerce

Scegli ‘paga con carta’ e ottieni questo:SEO 3

marketing e-commerce

È una schermata singola, chiede solo le informazioni di cui Schuh ha effettivamente bisogno per elaborare l’ordine e, se lo desideri, ti consente anche di saltare la data di nascita.

Inoltre, è chiaro e semplice su uno schermo mobile. Pertanto, è assolutamente importante pensare a due passi avanti quando si considera lo sviluppo del tuo eCommerce mobile .

Inoltre, è importante dire ai clienti quante spese postali pagheranno al più presto.

Alla gente non piacciono le domande senza risposta, ci rende ansiosi.

Se sto bene spendendo $ 10,99 ma non starei bene spendendo $ 14,99, sono in uno stato di ansia per tutto il lungo flusso di check-out, pensando: ‘quanto sarà l’affrancatura?

Starò bene se costa $ 2,99, ma non voglio pagare $ 3,99 “.

Quanto è significativo questo effetto? È la causa numero uno dell’abbandono del carrello, a sua volta il foro numero uno nelle canalizzazioni di e-commerce.

Bonus: 12 campagne di automazione del marketing predefinite

marketing e-commerce

Quali sono le lezioni qui?

  • Dì ai tuoi clienti esattamente quanti soldi stai chiedendo loro, il più presto possibile.
  • Lasciateli controllare facilmente come ospiti.
  • Rendi il tuo checkout semplice e chiaro su dispositivo mobile.

Ordina questi fattori e vedrai più conversioni e anche probabili vantaggi SEO.

Iscrizioni e-mail sul sito

Far entrare le persone nella tua lista e-mail è un buon secondo per farle comprare qualcosa.

Per prima cosa, aumenta enormemente le possibilità che un giorno faranno il salto e diventeranno clienti.

Ciò significa che un processo di iscrizione è efficace senza essere invadente.

Quante volte sei stato su un sito web, solo per far sì che il pop-up a scorrimento ostruisse ciò che stai guardando con una richiesta per … beh, chi lo sa, spesso le persone non li leggono.

marketing e-commerce

Quando si inserisce una registrazione tra ciò che le persone vogliono e loro, tendono a rispondere con una sorta di conformità passivo-aggressiva.

Spesso ti daranno il loro indirizzo email di spam.

Eh?

Si scopre che molte persone mantengono un indirizzo e-mail di cattura dello spam solo per le iscrizioni. Quanti?

marketing e-commerce

Quel numero sembra aumentare continuamente. Ho anche un indirizzo e-mail di cattura dello spam!

L’effetto sulla qualità della tua iscrizione e-mail è catastrofico.

marketing e-commerce

Questo è il 9% delle iscrizioni che vanno a un indirizzo e-mail che non è mai stato nemmeno verificato.

Forza le persone ad iscriversi e questo è ciò che ottieni: quasi uno su dieci delle iscrizioni sono totalmente prive di valore per te; altri due terzi ti stanno dando malvolentieri il loro indirizzo di seconda stringa, ma non leggeranno mai le tue cose, figuriamoci comprare qualcosa da te.

I tre quarti delle iscrizioni ottenute in questo modo non fanno bene alla tua attività.

Allo stesso tempo, mentre non vuoi un effetto jambalaya, un pazzo magazzino di Bob che cerca di indurre le persone a iscriversi, non vuoi anche renderlo meno  probabile.

L’iscrizione che vogliamo è volenterosa, interessata e ha il vero indirizzo e-mail di quella persona in modo da non farci saltare grandi buche nel nostro punteggio di consegnabilità, sopravvalutare la nostra vera percentuale di iscrizione e avere un quadro sempre più confuso di quanto sia efficace il nostro processo di iscrizione.

Oh, e così possiamo vendere anche quella roba.

Come lo facciamo?

Ricevi iscrizioni reali sul tuo sito di e-commerce

  • Richiesta di iscrizione di base sull’attività dell’utente. Se hanno fatto clic su almeno una cosa o hanno fatto scorrere verso il basso un contenuto, quello è il momento: non raggruppare le richieste di iscrizione con il consenso sui cookie, il GDPR e altri legali.

Prodotti

I siti Web di e-commerce tendono ad essere enormi, con molti prodotti. È raro trovare un sito Web con migliaia di pagine al di fuori dell’e-commerce; nel settore, è normale.

Ogni nuovo prodotto ha una sua pagina. Ogni vecchio prodotto lo fa spesso.

Il risultato sono siti enormi che possono facilmente sfuggire di mano e un vasto numero di pagine che devono essere create, spesso velocemente.

Le pagine dei prodotti sono il cuore di un sito Web di e-commerce.

Se vendi magliette, è sulla pagina del prodotto per una maglietta specifica che le vendite vengono effettivamente realizzate; nessuno compie un ordine per ricevere una maglietta a caso.

Sono pagine di prodotti specifici che fanno effettivamente soldi per la tua azienda.

Tuttavia, hanno spesso difetti evitabili che impediscono loro di essere qualcosa di così efficace come potrebbero essere.

I siti di e-commerce potrebbero spesso trarre vantaggio dal passare un po ‘di tempo con Screaming Frog, di sicuro.

Tag mancanti o duplicati e immagini non ottimizzate vengono visualizzati anche su siti di grandi dimensioni, soprattutto se design e SEO non parlano molto.

Ma gli aspetti più importanti di una pagina di prodotto di e-commerce che effettivamente vende sono la copia, la descrizione e le immagini.

Le pagine dei prodotti devono essere coerenti con il marchio.

Dovrebbero superare il test “utente ubriaco” e “strabismo” a pieni voti: ogni pagina del prodotto dovrebbe urlare l’identità del tuo marchio dallo schermo.

Dovrebbero incoraggiare la fiducia e la fiducia; le persone dovrebbero sentirsi fidate del tuo marchio e del tuo prodotto.

Devi occuparti preventivamente dell’obiezione per gestire le preoccupazioni relative a consegna, vestibilità, prezzi e qualità in modo da non farlo in un negozio di mattoni dove le persone possono pesare il prodotto in mano, sentire il tessuto, tenerlo fino a la luce.

I video e la fotografia multi-angolo sono gli standard di riferimento per le immagini dei prodotti di e-commerce, ma non è necessario eseguirli per avere una pagina di prodotto funzionante che converta effettivamente.

Ciò di cui hai bisogno sono diverse immagini di alta qualità, una copia che risolva i dubbi della tua persona e le descrizioni dei prodotti che non provengono dal produttore.

Copia della pagina del prodotto e-commerce che vende

La copia della pagina del prodotto deve rispondere alle preoccupazioni del pubblico di destinazione.

Deve parlare la loro lingua, quindi eviti di parlare con 40enni come se fossero adolescenti e viceversa.

E deve essere chiaro.

La scelta tra chiara e intelligente non è una scelta: i consumatori leggono a metà questo su uno schermo mobile tra i messaggi.

Non vogliono essere intelligenti, vogliono solo sapere cos’è e cosa fa.

Ecco come la gestisce la società di abbigliamento outdoor e di viaggio Rohan:

marketing e-commerce

Quella singola riga di copia ti dice cosa fa e a cosa serve.

Potrebbe essere tutto quello che senti di aver bisogno di sapere.

Ma se vuoi il grintoso – quanto pesa? Le cuciture sono nastrate? – c’è di più ed è facile da trovare.

Mettere in risalto le descrizioni dei tuoi prodotti

Fai clic su “leggi di più” e ottieni questo:

marketing e-commerce

Questa è una copia indirizzata a persone che cercano qualcosa da “roba in uno zaino”, ma che vogliono anche conoscere dettagli come “picco incollato” e sono contenti di termini come “apertura frontale” per la parte anteriore di un cappuccio. Se questa non è la tua persona, non farlo in questo modo, ma prendi da Rohan la loro chiarezza e la loro descrizione del prodotto su misura.

Descrizioni dei prodotti come questa:

piattaforma di marketing e-commerce

Sono più un “come non farlo”.

Ingrandiamo la descrizione:

marketing e-commerce

Prima di tutto, ti sfido a leggerlo. È estremamente noioso. Include anche informazioni tecniche casuali – “se si desidera connettersi con gas NG, rimuovere il kit gas GPL”, è così bello sapere che questa stufa viene fornita con una zuppa di alfabeto gratuita – e fatti stranamente specifici, come “tappo del bruciatore: ferro”.

Non è che i potenziali clienti non debbano saperlo. È che è presentato in modo desultorio, incurante e molto noioso.

Prendi le descrizioni dei prodotti del produttore e scrivile di nuovo, come se stessi parlando al tuo cliente ideale attraverso il prodotto.

Come creare immagini di pagine di prodotti e-commerce che generano vendite

Le immagini non devono essere eccitanti. È come una copia: le persone vogliono ottenere le informazioni che vogliono, non sono interessate agli effetti fantasiosi.

Guarda come UK Tool Centre Ltd vende questo set multiutensile DeWalt:

marketing e-commerce

Molto di questo è giusto: bel pulsante chiaro, risparmi sottolineati, descrizione chiara. Ma siamo interessati alle immagini. Le miniature nella parte inferiore sono abbastanza chiare da poter vedere quali strumenti sono quali.

C’è un cursore, uno scatto di ogni strumento e primi piani di batterie e periferiche:

C’è anche un video. Parliamo un po ‘di questo.

Video sulle pagine dei prodotti

Piuttosto che parlare di come realizzare un buon video, voglio parlare brevemente di come sito e utilizzare un video di prodotto.

In effetti DeWalt ha più o meno ragione.

(Giuro che non sono su commissione.)

È posizionato in modo prominente, in posizione privilegiata sul dispositivo di scorrimento, ma in realtà non ho bisogno del video per ottenere valore dalla pagina.

Questo è abbastanza importante per DeWalt, perché il loro cliente target sta navigando su un dispositivo mobile rinforzato con i piedi sul cruscotto di un furgone Transit, in un cantiere con WiFi scadente.

Se l’utente deve visualizzare il video per capire qual è il prodotto, DeWalt sta per perdere.

Questo è meno preoccupante se il tuo target di riferimento sono professionisti IT in Finlandia, dove hanno la banda larga Gigabit. Come sempre, riguarda il tuo pubblico.

L’altro no-no è la riproduzione automatica.

Questa sembra un’ottima idea per alcune persone – penso che siano le stesse persone che vogliono sempre mettere un mucchio di cursori su una homepage.

E il video a riproduzione automatica ha lo stesso effetto perché viola lo stesso principio di progettazione dell’esperienza utente: l’utente deve avere il controllo .

Rendi il tuo video chiaro, breve e facile da trovare, ma non far guardare gli utenti.

clicca qui banner

Conclusione

L’e-commerce è una torta più grande che mai.

Crescere la tua fetta presenta nuove sfide, ma possono essere superate.

Nel corso di questo post, abbiamo parlato di come lavorare aspetti specifici del marketing e-commerce per ottenere un effetto migliore nel 2019.

Abbiamo menzionato il tentativo di ottenere registrazioni di e-mail reali, ad esempio; ha parlato di come evitare la riproduzione automatica di video come la peste è; inviare e-mail mirate alle preferenze del pubblico; o progettando la tua esperienza di unboxing per deliziare i tuoi clienti.

Ma c’è una tendenza: dobbiamo conoscere il cliente abbastanza bene da metterlo al posto di guida. Più lo fai, più il tuo negozio di e-commerce prospererà – nel 2019 e oltre.