Seconda parte delle 11 regole doro seo E-commerce 2020

Eccoci qui, ben tornati amici, siamo lieti di comunicare a Davide che si abbiamo diversi progetti e-commerce ,siti, blog etc tra i quali uno è GRATIS ma free x davvero cio significa che chi non intende spendere puo restare e magari acquistare dominio di proprietà e metterlo, ve lo linko in home cosi chi è interessato puo accedervi

bene scusate risposta a Davide al quale diamo il Benvenuto ci sono 6888.000 utenti free lui sarà + uno complimenti e osserva bene il marketing, la seo compresa nel area admin

partiamo:


Passaggio 6:Articoli esauritiCrea pagine ottimizzate per i motori di ricerca per prodotti non disponibili

Chiaramente, ci sono momenti in cui il tuo negozio esaurisce un determinato prodotto o addirittura interrompe completamente un articolo. Questi due casi dovrebbero essere gestiti in modo diverso.

1. Creare pagine intelligenti per prodotti temporaneamente non disponibili

Se un articolo è temporaneamente non disponibile, la rimozione della pagina non è un’opzione. La pagina dovrebbe indicare chiaramente che il prodotto è esaurito e fornire tutte le informazioni pertinenti di cui il visitatore potrebbe aver bisogno per assicurarsi di attendere fino all’arrivo dell’articolo o ordinare un’alternativa da te.

  • Includi la data di arrivo prevista dell’articolo. Questo aiuterà i visitatori a decidere se sono pronti ad aspettare fino a quando l’articolo è disponibile o se devono cercare alternative.
  • Offri l’opportunità di ricevere una notifica quando arriva l’articolo. Anche se non sai quando l’articolo sarà disponibile, è una buona idea dare ai tuoi visitatori un’opzione per ricevere una notifica via e-mail quando sarà di nuovo disponibile.
  • Offri ai visitatori un’opzione di preordine. Se sei sicuro che l’articolo sarà presto disponibile, lascia che gli utenti lo prenotino. Questo assicurerà ai tuoi clienti che quando il prodotto sarà disponibile, saranno i primi a riceverlo.
  • Aggiungi un elenco di prodotti simili. Ogni volta che puoi, offri ai visitatori opzioni alternative per assicurarti che acquistino da te e non andare invece ai concorrenti.

2. Scegli come gestirai i prodotti definitivamente fuori produzione

Se l’articolo viene rimosso definitivamente dalla vendita, hai diverse opzioni per gestire la sua pagina di prodotto.

  • Restituisce una pagina 404. 404 è un modo naturale per rimuovere le pagine dall’indice del motore di ricerca; le classifiche generali del sito Web non saranno interessate. Assicurati di rimuovere 404 pagine dalla Sitemap XML del tuo sito – questo invierà un segnale forte ai motori di ricerca che la pagina dovrebbe essere rimossa dall’indice. Questo approccio è adatto per le pagine che non hanno molti backlink e che non fungono da punto di accesso al sito Web. Se la pagina si classifica bene per alcune query, considera altre opzioni.
  • Crea un reindirizzamento 301 verso un articolo simile o una categoria di prodotto pertinente. Il reindirizzamento ti aiuterà a salvare il collegamento del link; sul lato negativo, 301 reindirizzamenti possono aumentare i tempi di caricamento e confondere il visitatore.
  • Conserva la pagina del prodotto, ma indica che l’articolo è fuori produzione e offre un’alternativa. In questo modo conserverai il collegamento del link e le classifiche della pagina. Tuttavia, questa opzione non è consigliata se l’inventario del negozio online cambia spesso – non vuoi finire con migliaia di prodotti fantasma che sprecano il tuo
  • budget di scansione ( vi farò un articolo inerente a qst )


3. Essere pronti per la domanda e il traffico stagionali

Se stai pianificando di lanciare un nuovo prodotto, è saggio preparare il tuo sito Web in anticipo in modo da avere una pagina ben classificata prima che il prodotto sia disponibile. Crea una pagina per il nuovo prodotto. Popolare con immagini, descrizioni dei prodotti o qualsiasi altro contenuto che possa attirare i clienti. Consentire ai potenziali clienti di iscriversi a una newsletter in modo da essere avvisati quando arriva il prodotto.

Per quanto riguarda il traffico stagionale, ad esempio articoli di Halloween, puoi tenere una categoria annuale sul tuo sito web come / halloween-products-2016 . Una volta terminata la stagione, puoi reindirizzare 301 la vecchia pagina su una nuova / halloween-products-2017 , quando diventa necessario. In questo modo conserverete i backlink e allo stesso tempo la pagina apparirà “aggiornata”.


Passaggio 7:paginaturaUtilizzare correttamente l’impaginazione per evitare problemi di duplicazione e indicizzazione

L’impaginazione è la pratica di segmentare un contenuto in più pagine. Su un sito Web di e-commerce, l’impaginazione può creare una serie di pagine molto simili con contenuti sovrapposti. Se la barra di impaginazione sul tuo sito include solo poche pagine e ogni numero che rappresenta una pagina successiva è visibile e cliccabile, questo di solito non costituisce un problema. Ecco un esempio:

Ma se il numero di pagine supera un determinato importo, la barra di impaginazione visualizzerà solo un paio di pagine iniziali e alcune pagine finali. Le pagine intermedie non saranno collegate alla pagina principale, di conseguenza verranno scansionate dai motori di ricerca meno spesso.

Questo problema può essere risolto in due modi:

  • Aggiungi un’opzione Visualizza tutto . Valuta di aggiungere una pagina che contenga i prodotti di tutte le pagine. In questo scenario, ogni pagina divisa dovrebbe contenere il collegamento rel = “canonico” che punta alla pagina di visualizzazione completa. Vedi il post sul blog di Google per una guida dettagliata.
  • Aggiungi i tag rel = “next” e rel = “prev”. Questi tag possono essere utilizzati all’interno del tag <head> di una pagina per indicare le pagine successive e precedenti di una serie. La prima pagina avrà solo un tag rel = “next” e l’ultima – solo un tag rel = “prev” , mentre le pagine intermedie conterranno entrambi. Questi tag danno a Google un suggerimento per trattare le pagine divise come una. Questo approccio ti aiuterà a consolidare i backlink e Google probabilmente visualizzerà solo la pagina più pertinente (la prima) nelle SERP. Per ulteriori informazioni su rel = “next” e rel = “prev” , consulta questo post sul blog di Google Webmaster.

Passaggio 8:Velocità del sitoOttimizza il tempo di caricamento delle tue pagine per una migliore classifica ed esperienza utente

La velocità del sito è un fattore che ha un doppio effetto sui siti Web di e-commerce. Un sito web lento è un’esperienza utente scadente; la scarsa esperienza dell’utente si traduce spesso in minori vendite. Anche la velocità del sito è un fattore di classifica; le pagine a caricamento rapido ottengono un vantaggio rispetto a quelle più lente nei risultati di ricerca.

Innanzitutto, dovrai testare le tue landing page principali per assicurarti che non ci siano problemi di velocità. Puoi farlo rapidamente

con website control oppure auditor

1. Crea o apri un progetto Auditor WebSite per il tuo sito.
2. Vai al modulo Analisi del contenuto .
3. Selezionare una pagina che si desidera testare, inserire le parole chiave e procedere con i passaggi successivi, se necessario.

Insieme ad altri contenuti e informazioni tecniche, il software eseguirà un test di velocità della pagina dettagliato. Consulta la sezione Velocità pagina (desktop) e assicurati che la tua pagina sia libera da eventuali problemi che potrebbero rallentarla.

Ecco le 5 principali cose che influenzano la velocità della pagina e sono spesso ignorate dai siti di e-commerce.

  • Elimina reindirizzamenti non necessari. Molto spesso i siti Web reindirizzano i visitatori dalla versione non www alla versione www e quindi alla versione mobile o a un URL intuitivo. Elimina tali reindirizzamenti intermedi ogni volta che puoi farlo in sicurezza.
  • Ottimizza le immagini dei prodotti. I siti Web di e-commerce solitamente contengono molte immagini di prodotti, che rappresentano la quota maggiore del payload del traffico. Assicurati che tutte le immagini siano ottimizzate e di dimensioni compresse. Prendi in considerazione l’utilizzo di immagini più piccole con un’opzione per aprire una versione più grande.
  • Abilita la memorizzazione nella cache del browser. I visitatori del sito Web di e-commerce visualizzano in genere molte pagine per sessione. Non vuoi che caricino il contenuto invariato ancora e ancora, vero?
  • Dai la priorità al carico di contenuti visibili per le pagine che hanno una barra di scorrimento.
  • Evita JavaScript che blocca il rendering della pagina. Farà sì che il browser dell’utente attenda il caricamento dello script prima di caricare la pagina stessa.
  • Sfrutta la tecnologia AMP per il blog e le pagine di notizie.  AMP  è una nuova tecnologia che consente alle pagine con contenuto statico di eseguire il rendering più velocemente delle pagine normali.

Passaggio 9:MobileOffri un’ottima esperienza utente su tutti i dispositivi

Il 50% del traffico di ricerca di Google è mobile. Circa il 60% dei consumatori utilizza dispositivi mobili per prendere decisioni di acquisto. Se stai promuovendo un sito Web di e-commerce, non puoi trascurare questo vasto pubblico.

Proprio come la velocità del sito, una scarsa esperienza utente sui dispositivi mobili può comportare una riduzione delle vendite e influenzare negativamente il tuo posizionamento.

1. Passa al cellulare se non l’hai già fatto

Se non hai ancora portato il tuo sito mobile, dovrai iniziare con la scelta della tecnologia giusta. Esistono tre opzioni principali: pubblicazione dinamica, pagine mobili separate e design reattivo.

Per i siti di e-commerce, il design reattivo è forse il modo migliore di procedere. Ecco alcuni vantaggi di questa opzione:

  • Stesso URL per le versioni mobili e desktop delle pagine. L’uso di un singolo URL per un contenuto semplifica l’interazione, la condivisione e il collegamento degli utenti con tali contenuti. Tali pagine sono anche più facili da scoprire e indicizzare per i motori di ricerca.
  • La presentazione del contenuto è personalizzabile a seconda del tipo di dispositivo da cui viene visualizzata.
  • Nessun reindirizzamento. A differenza di una versione mobile separata del sito, il design reattivo non richiede reindirizzamenti aggiuntivi. Ciò consente un tempo di caricamento e un’esperienza utente migliori.

2. Ricontrolla le pagine di un sito mobile

Se non sei sicuro che la tua pagina sia completamente ottimizzata per i dispositivi mobili, ecco un modo rapido per verificare che:

1. Apri il tuo progetto  .
2. Vai a Analisi del contenuto .
3. Seleziona la pagina da analizzare in base alla compatibilità con i dispositivi mobili e procedi con i passaggi successivi.

Una volta completata l’analisi, controlla la sezione Usabilità della pagina (mobile) per vedere se la tua pagina è completamente ottimizzata per i dispositivi mobili. Esamina i fattori in questa sezione per vedere se puoi apportare miglioramenti ai tuoi visitatori mobili.


Passaggio 10:HTTPSCrea un sito sicuro per guadagnare la fiducia dei clienti (e di Google)

A partire dal 2016, HTTPS non sembra essere un fattore di classifica significativo. Almeno, la maggior parte dei SEO non osserva cambiamenti significativi nella classifica positiva dopo il trasferimento a HTTPS. Tuttavia, il passaggio a HTTPS è fondamentale per i siti Web di e-commerce per proteggere i dettagli della carta di credito dei clienti e altre informazioni personali.

Avrai bisogno di 2 cose per andare su HTTPS: un IP dedicato e un certificato SSL. Per ottenere un IP dedicato, contatta il tuo provider di hosting. Anche ottenere un certificato non è un grosso problema: ci sono molti fornitori di certificati SSL come Comodo o Geotrust per citarne alcuni. Dopo aver installato il certificato, ricordati di testare se è configurato correttamente con questo strumento dai laboratori SSL.

vi rammento che anche con noi avreste un provider Hosting pioniere dal 1993 e presente nei motori di ricerca 100 italiani e 1800 internazionali come Top number One nel gratuito e top 10 nel pagato , x Geo Trust basta comunicarlo a noi e vi faremo uno sconto del 15%

Ci sono alcune insidie ​​comuni da evitare durante il trasferimento su HTTPS.

  • Se il tuo sito Web utilizza una rete di distribuzione dei contenuti, script e API di terze parti , assicurati che supportino HTTPS. In caso contrario, i visitatori riceveranno errori nel caricamento della pagina o notifiche che crittografano solo una parte del contenuto.
  • Assicurarsi che tutti i collegamenti interni puntino alla versione HTTPS del sito Web. Se i tuoi sviluppatori web utilizzano collegamenti assoluti, dovrai sicuramente risolverli.
  • Configurare correttamente i reindirizzamenti dalla versione HTTP alla versione HTTPS. I reindirizzamenti scadenti sono un problema comune con HTTPS, specialmente se solo alcune parti del tuo sito Web sono crittografate.

Cercare il codice sorgente del sito Web e cercare collegamenti non https non è divertente. Tuttavia, l’ opzione Ricerca personalizzata di

WEBSITE che hai creato esempio con auditor consente di trovare tutte le istanze di qualsiasi contenuto in un sito Web, sia esso un tag HTML, uno script, un plug-in o un pezzo di testo. La ricerca personalizzata ti aiuterà sicuramente a passare a HTTPS senza problemi. Visita questo

articolo di ricerca personalizzato per le istruzioni dettagliate.


Passaggio 11:Budget per scansioneAssicurati che i motori di ricerca possano eseguire la scansione delle pagine che contano per il SEO

Il budget di scansione è il numero di pagine di un sito Web su cui i motori di ricerca possono eseguire la scansione al giorno. Il valore è diverso per ogni sito, poiché il budget di ricerca per indicizzazione è strettamente correlato all’autorità del sito Web. Questa metrica è particolarmente importante per i siti Web di e-commerce con grandi inventari. Sebbene non sia possibile fare in modo che i motori di ricerca eseguano la scansione di più pagine, è possibile facilitare il loro lavoro rimuovendo il disordine sulla loro strada.

  • Sbarazzarsi di pagine duplicate. Certo, potresti avere a che fare con contenuti duplicati con rel = “canonical” , ma la scansione di contenuti duplicati spreca il tuo budget di scansione e rallenta la scoperta di nuovi contenuti.
  • Prevenire l’indicizzazione di contenuti inutili (in termini di SEO). Informativa sulla privacy, termini e condizioni e promozioni scadute sono buoni candidati per una regola Disallow in robots.txt.
  • Evita lunghe catene di reindirizzamento. Se c’è un numero irragionevole di 301 reindirizzamenti di fila sul tuo sito, gli spider di ricerca smetteranno di seguire i reindirizzamenti ad un certo punto e la pagina di destinazione potrebbe non essere sottoposta a scansione. Inoltre, ogni URL reindirizzato è probabilmente uno spreco di una “unità” del tuo budget di scansione.
  • Gestisci i parametri URL. Il tuo sistema di gestione dei contenuti può generare molti URL dinamici che di fatto portano a una stessa pagina. Ci vorrà del tempo prima che i motori di ricerca lo capiscano. Assicurati di informare i robot di ricerca sui parametri aggiungendoli nel tuo account Google Search Console .
  • Correggi i collegamenti interrotti. Colpire i collegamenti interrotti spreca il tuo budget di ricerca per indicizzazione e non porta i robot dei motori di ricerca ovunque utili.
  • Mantieni la tua Sitemap XML aggiornata e assicurati di registrare le Sitemap XML in Google Search Console.

Il revisore dei siti Web può controllare il tuo sito Web per tutti i problemi relativi all’ottimizzazione del budget di scansione. Basta creare un nuovo progetto e fare clic sulla voce di menu sul lato sinistro del modulo Site Audit.


Queste sono le cose più importanti da ricordare quando si ottimizza un sito Web di e-commerce. Se hai altri suggerimenti da condividere, passa alla discussione nei commenti!